Tepic: “Condizioni elettorali eque o la crisi si riverserà sulle strade”

La vicepresidente del Partito della Libertà e della Giustizia (SSP), Marinika Tepic, ha dichiarato che la crisi politica si riverserà nelle strade se non saranno previste e garantite condizioni elettorali eque.

La stessa Tepic ha dichiarato che non si può credere solo sulla parola che le condizioni verranno soddisfatte, ma è necessario garantire scadenze e obiettivi con la mediazione del Parlamento europeo.

“Sono convinta che i negoziati (con il governo) debbano portare a un esito positivo in termini di garanzia di condizioni eque per andare alle urne. O i negoziati o scenderemo in strada. Abbiamo boicottato le ultime elezioni e smascherato il potere. Ora affrontiamo il mondo intero, l’Unione europea e il Parlamento europeo. Fino all’ultimo giorno molti pensavano che stessimo bluffando, che l’appello al boicottaggio fosse solo temporaneo, ma abbiamo dimostrato di essere coerenti”, ha detto la Tepic.

Come sottolineato, “ora è il momento per tutti di capire che non si può tornare indietro”.

“Se condizioni elettorali eque e democratiche non saranno assicurate, se i media e le leggi elettorali e il diritto dei cittadini di votare liberamente non saranno rispettati, se il giorno delle elezioni invece di essere un giorno solenne, in cui tutti vanno alle urne felici di votare, qualcuno ancora tremerà per la perdita del posto di lavoro o sarà costretto a salire su un furgone per essere “portato” alle urne ed essere obbligato a votare in pubblico in modo che il membro del partito in servizio fotografi la scheda elettorale con il voto per Vučić accanto alla carta d’identità come prova che si è obbedito al capo di turno, la pressione e la crisi politica diventeranno insopportabili e ci riverseremo sulle strade”, ha detto la Tepic.

“Ma”, ha continuato la Tepic, “ogni responsabilità è di Vucic, per ogni testa rotta, per ogni giovane che giustamente si ribellerà perché non vuole essere tra le 4.000 persone che lasciano il nostro Paese ogni mese, una terra bella ma prigioniera”.

Lei sostiene che per Vučić e la sua cricca, sopravvivere al potere significa rimanere liberi.

“Restare al potere è l’unico modo sicuro per non finire in prigione. Ecco perché difenderanno le loro posizioni fino all’ultimo”, ha concluso.

https://naslovi.net/2021-01-28/beta/tepic-nema-nazad-ili-fer-izborni-uslovi-ili-ce-se-kriza-preliti-na-ulicu/27166717

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, condizioni elettorali, Parlamento europeo, SSP
Madzar: “Irragionevole la proposta di Vucic di aiutare ancora cittadini e pensionati”

Vucic: “Altri 2,5 miliardi di euro in aiuti all’economia e alla popolazione”

Chiudi