Tepic: “Lucic ha escogitato un modo per controllare i media con i soldi della “Telekom”

“Crediamo che i funzionari pubblici, se viene dimostrato che hanno agito in modo corrotto, dovrebbero essere puniti il ​​doppio di quanto implica ora il codice penale. Il nuovo governo dovrebbe arrestare tutti coloro che attualmente costituiscono la spina dorsale del regime, e questo lo farà la polizia e l’accusa quando forniremo loro le prove dei reati”, ha detto a Nova.rs, Marinika Tepic, vicepresidente del Partito della libertà e della giustizia.

Secondo lei il nuovo direttore di “Telekom”, Vladimir Lucic, è “il principale censore e colui che ha ideato l’intero piano su come controllare lo spazio mediatico nel Paese con i soldi della “Telekom”, o meglio attraverso i soldi dei cittadini della Serbia”.

“Fino a poco tempo fa il primo uomo di “Telekom”, Predrag Ćulibrk ha messo la sua firma sui peggiori contratti falsi possibili. E’ stato l’esecutore dell’intera campagna, concepita da quell’uomo che ora lo ha sostituito, cioè Vladimir Lucic, che in realtà è il principale censore e colui che ha ideato l’intero piano su come controllare lo spazio mediatico nel nostro Paese tenendo la Serbia all’oscuro da un lato e mantenendo dei rapporti clientelari dall’altro”, ha detto la Tepic.

Lucic, aggiunge, ora è stato premiato per questo.

“Ćulibrk, senza alcun dubbio, deve essere ritenuto responsabile per ogni firma che ha apposto sui disastrosi contratti con la “Kopernikus e il proprietario di “Kurir”, Igor Žeželj. Adesso è arrivato al suo posto il principale artefice di tutte quelle idee, ed è per questo che la nostra attenzione deve essere focalizzata su ciò che la “Telekom” farà da ora in poi”, ha sottolineato la Tepic.

La stessa ha anche menzionato “l’acquisizione dell’agenzia di stampa Tanjug”.

“Possiamo vedere com’è stata l’acquisizione della “Tanjug” da parte di Manja Grčić e della famiglia Joksimović. Il reddito che la “Telekom” paga loro per i loro canali via cavo è infatti la garanzia per un prestito che permette loro di entrare a “Tanjug”. Quindi, ancora una volta, abbiamo assistito a varie mosse che non sono solo di natura corrotta, perché non si tratta solo di corruzione e uso improprio del denaro dei cittadini serbi, ma di un’intenzione vile e impura di mettere all’oscuro i media in Serbia. La loro intenzione è quella di fornire tutto ciò che riguarda i media e i loro affari attraverso i canali di “Telekom”, tenendo la Serbia sempre più all’oscuro di tutto”, ha concluso.

Tepić: Lučić osmislio način kako da se novcem Telekoma kontrolišu mediji

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Kopernikus, Kurir, Marinika Tepic, Telekom
In Serbia più numeri di telefoni cellulare che residenti

Marinika Tepic: “La fine del regime è più vicina di quanto in molti pensino”

Chiudi