Tepic: “Divulgheremo gli accordi della Serbia con le società cinesi”

La vicepresidente del Partito della Libertà e della Giustizia (SSP) Marinika Tepic ha dichiarato che, “dopo che sarà salita al potere”, divulgherà l’accordo sulla partnership strategica tra la Serbia e la società cinese “Zidjin”, che nel 2018 è diventata la proprietaria di maggioranza della “RTB Bor”.

“E non solo l’accordo con la “Zidjin”, ma rivedremo anche tutti gli accordi bilaterali e gli accordi interstatali risultanti da accordi bilaterali completamente non trasparenti, in particolare con la Cina. Questo è uno dei nostri pilastri, quello che chiamiamo patriottismo economico”, ha affermato la Tepic.

La stessa ha detto che non sa cosa si troverà in quegli accordi, ma che saranno sicuramente divulgati, perché la legislazione serba “non esiste” e gli ispettori “non possono nemmeno entrare nelle aziende cinesi”. “L’attuale regime vuole trasformare la Serbia in una colonia e privatizzarla completamente, ed è per questo che riconsidereremo ciò che è stato fatto a danno della Serbia e dei cittadini di Bor, e anche quale sarà il prezzo che verrà pagato nei prossimi anni”, ha aggiunto la Tepic.

Il presidente del partito “SSP”, Dragan Djilas, ha affermato che “non esiste possibilità” che una società straniera sia la proprietaria di maggioranza delle risorse serbe. “Non stiamo costringendo gli investitori stranieri ad andarsene, sono necessari, ma non esiste alcuna possibilità per nessuna società straniera di essere proprietaria di maggioranza delle risorse dello Stato della Serbia, quali minerali, acqua e terra”.

Lo stesso ha presentato le analisi degli esperti “SPP”, secondo cui se l’estrazione del minerale continuasse al ritmo attuale, il minerale sarebbe estratto a Bor solo per altri 13 anni, dopodiché la città rimarrebbe inquinata e la terra distrutta. “Sono sicuro che troveremo una soluzione sia per l’investitore che per le persone che vivono qui, perché gli affari si sono sviluppati a Bor”, ha aggiunto Djilas.

Tepic, Djilas e il presidente del Movimento dei Cittadini Liberi, Pavle Grbovic, erano a Bor per sostenere la lista elettorale “Marinika Tepic – Per la vittoria di Bor” e Ljubisa Stamenkovic, ingegnere della “Zidjin”, che sarà nominato sindaco.

https://naslovi.net/2022-02-22/beta/kandidati-ujedinjene-srbije-predstavljeni-na-konvenciji-u-nisu/29992238

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top