Tepic: “Alla Poštanska štedionica o voti per Vucic o ti licenziano”

“I dipendenti della Cassa di risparmio postale (Banka Poštanska štedionica) stanno raccogliendo voti capillari per il Partito progressivo serbo e quello socialista di Aleksandar Vulin e sono costretti a fornirne 40 sicuri ciascuno; chi si rifiuta di farlo rischia il licenziamento”, dice la vicepresidente del partito “Stranke slobode i pravde”, Marinika Tepic.

La Tepic, ha riferito che Natasa Markovic, membro del consiglio di amministrazione della Cassa di risparmio postale, è responsabile della lista con i voti raccolti sicuri e li dà al fratello del Presidente della Serbia, Andrej Vucic. La cosa funziona così: In cima alla piramide c’è il presidente del consiglio di amministrazione della banca, Bojan Kekić, che riceve istruzioni da Zvonko Veselinović e Andrej Vućić su ciò che deve essere fatto. Kekić impegna inoltre i membri del Comitato Esecutivo per la raccolta dei voti: Natasa Markovic, moglie di Drasko Markovic, uno dei direttori di Telekom, Nenad Ralevic, altrimenti amico di Darko Saric, e Aleksandar Cortan. Loro espandono la rete attraverso Gojko Radisavljevic, direttore della filiale, Milos Ralevic, assistente direttore della rete aziendale, Dejan Popovic, direttore del Centro regionale di Belgrado.

“I tre visitano le filiali che appartengono alla città di Belgrado e condividono le liste con altri direttori e responsabili delle filiali», continua la Tepic, portando la testimonianza degli operai della Cassa di risparmio postale. Secondo lei, i dipendenti si sarebbero lamentati di essere obbligati a portare da 20 a 40 voti sicuri e se non lo fanno sono minacciati di sanzioni.

“Secondo lo stesso principio, quei voti capillari vengono restituiti; Dejan Popović e Nenad Ralević li danno alle segretarie che li inseriscono elettronicamente nelle tabelle Excel, che poi inviano a Bojan Kekić. Kekic organizza quindi le chiamate e verifica se le persone sulla lista hanno davvero firmato e fornito supporto al partito al governo. Quando si determina che i dati sono autentici, Kekić porta le liste ad Andrej Vučić”, si legge nella dichiarazione di uno dei dipendenti consegnata alla Tepić.

DOKAZ Glasaj za Vučića ili dobijaš otkaz – kako rade „sigurni glasovi“

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top