Teofil Pancic: “Politici come Sergej Trifunovic non portano niente di buono”

L’editorialista del settimanale Vreme, Teofil Pancic, ha affermato che, indipendentemente dal fatto che la Jugoslavia non esiste più come paese, esiste uno spazio che è stato e che rimarrà sempre comune a tutte quelle persone che hanno vissuto e vivono sul territorio del vecchio stato, poiché condividono una lingua comune e una cultura comune.

“E questo è molto più importante di tutte queste pseudo-identità che abbiamo assunto. Noi (cittadini della ex Jugoslavia) siamo troppo piccoli e insignificanti individualmente”, ha detto Pancic.

Intervenendo ad una tavola rotonda organizzata in onore dei premi della Fondazione Tanja Petrovic, di cui Pancic è uno dei destinatari, ha anche parlato dello stato dei media in Serbia.

Pancic ha detto che quei pochi media che avevano un contenuto culturale serio sono stati per molto tempo gravemente emarginati in Serbia.

“Abbiamo una mentalità repressiva e la necessità di contrassegnare il nostro territorio, che si vede dal frequente cambiamento dei nomi delle strade e delle vie. La brutalità del collettivismo è sempre stata terribilmente forte in noi, e cambia solo le strutture ideologiche. Abbiamo sempre nutrito un elemento antioccidentale, oltre ad essere anti-liberali, meschini, provinciali e ammiratori dei tiranni e dei demagoghi. Le autorità spesso predicano che la mancanza di libertà ci porterà all’adempimento di uno scopo più elevato”, ha aggiunto Pancic.

Parlando delle attuali proteste in Serbia, ha dcommentato che ha partecipato a queste proteste, proprio come ha partecipato a quelle precedenti.

“Ho scritto nei miei articoli cosa penso di queste proteste e, indipendentemente dal fatto che potrei essere critico nei loro confronti, non smetterò di parteciparvi. Sento sempre il bisogno di protestare contro governi autoritari e verminosi, e il governo che ora abbiamo è il più autoritario e il più dannoso di sempre”, ha aggiunto.

Ha anche criticato il presidente del Movimento dei liberi cittadini, Sergej Trifunovic per la sua “volgare apparizione alla protesta di Novi Sad due settimane fa” e ha aggiunto che era “inammissibile” per lui parlare di cose come la situazione in Vojvodina perché lui “non possiede le conoscenze elementari su queste tematiche”.

“Sergej Trifunovic è uno showman. Al momento, è il politico di maggior successo in Serbia, anche se non ha un vero e proprio partito. Molte persone sono arrivate al potere cavalcando un’onda simile onda, tra cui Trump e i populisti in Italia. Il movimento di Sergej  sicuramente crescerà come un palloncino, ma non penso che porterà nulla di buono”, ha concluso Pancic.

https://www.serbianmonitor.com/en/teofil-pancicnothing-good-comes-from-politicians-like-trifunovic/

Share this post

scroll to top
Read previous post:
Ballerini irlandesi, i Nipplepeople e il Bazaar di Primavera vi aspettano a Belgrado e a Novi Sad

Komercijalna Banka sotto il radar della Raiffeisen Bank International

Close