Teodorovic: Non abbiamo trovato la giusta strategia per abbattere il regime di Vucic

L’accademico Dusan Teodorovic, ha dichiarato che tutti coloro che si definiscono l’opposizione serba, dai partiti, ai movimenti e infine i cittadini, non sono riusciti a trovare la giusta strategia per abbattere il regime del Presidente della Serbia, Aleksandar Vucic.

Teodorovic durante la trasmissione “Utisak nedelje” ha affermato che Vucic è un “avversario difficile” da battere e che il suo “regime è immorale”.

L’accademico si è rifiutato di prevedere quale sarà la fine delle proteste “1 su 5 milioni”, ma afferma che a gennaio l’opposizione ha mancato l’occasione per radicalizzare le proteste.

“Credo comunque sia possibile vincere contro il regime di Aleksandar Vucic”, ha detto Teodorovic, aggiungendo che le proteste hanno giocato un ruolo importante in questo.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Teodorovic ha detto che un esempio di radicalizzazione e di disobbedienza civile è stato il blocco delle autostrade, dopo che vi è stata la morte di una donna ad una rampa di pedaggio, in un incidente stradale che coinvolge un veicolo dell’allora Direttore del “Corridoio di Serbia” e dell funzionario del Partito del progresso serbo (SNS), Zoran Babic.

Egli ha affermato che gli sembra che “oggi siamo esattamente dove eravamo nel gennaio del 1993” e che per tutti questi anni “è stata sempre raccontata la stessa storia”.

Teodorovic ha dichiarato, come raccomandazione, che è tempo per i vecchi politici di ritirarsi e lasciar spazio ai più giovani.

PH:”FoNet/Božidar Petrović

http://rs.n1info.com/Vesti/a483191/Teodorovic-Nismo-uspeli-da-nadjemo-pravu-strategiju-za-rusenje-Vucicevog-rezima.html?fbclid=IwAR3hC7NxkNGbiXNjHreQGChSu_ZVHnAaokm4Xccyb5CxzQ-BduDC2K_nSMM

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, Dusan Teodorovic
Summit dei leader del Processo Brdo-Brioni a Tirana – Saluto di Vucic e Thaci davanti alla Mogherini

Vucic incontra Matteo Salvini e gli ambasciatori del Quint

Chiudi