Tassa per la protezione ambientale fino allo 0,4% dei ricavi annuali

Le spese per la protezione e il miglioramento dell’ambiente prescritte dalla Legge per le spese per l’uso di beni pubblici, si applicheranno da questo venerdì. I soldi che gli inquinatori e i trasportatori di materiali pericolosi pagheranno andranno nelle casse dei comuni e delle città i cui abitanti sono più minacciati dall’inquinamento.

Questa tassa dovrà essere pagata dalle aziende, dagli imprenditori e dai cittadini le cui attività influiscono sull’ambiente, così come dalle aziende che trasportano il petrolio e i suoi derivati, ovvero sostanze chimiche e altre sostanze industriali pericolose nei territori dei comuni e delle città a cui la Serbia ha dato lo status di “ambiente minacciato”.

Per una tonnellata di anidride solforosa emessa si pagherà 9 mila dinari come compensazione per l’inquinamento ambientale, mentre la tassa per una tonnellata di biossido di azoto sarà di 7,2 mila dinari, e per le polveri 14,4 mila dinari per tonnellata emessa. Se, invece, questi materiali dovessero provenire da una base di asfalto la tassa per l’inquinamento ambientale risulterebbe aumentata di dieci volte.

La tassa per una tonnellata di sacchetti di plastica senza additivi sarà di 25.900 dinari e per l’emissione di rifiuti pericolosi prodotti o smaltiti la tassa per una tonnellata sarà di 1.500 dinari, mentre per ogni chilogrammo di sostanza importata che danneggia lo strato di ozono si paheranno 52 dinari.

Per il trasporto di petrolio e dei suoi derivati, ovvero prodotti chimici e merci di altri materiali pericolosi per l’industria, verrà addebitata una tassa di 100 dinari per tonnellata, mentre per le attività che influiscono negativamente sull’ambiente, sarà possibile addebitare fino allo 0,4% delle entrate annuali realizzate nell’anno precedente dall’esecuzione di tali attività.

L’imposizione delle tasse per la protezione e il miglioramento dell’ambiente, il loro controllo e la loro raccolta sarà effettuata dalle città e dai comuni.

Photo Credits:”N.Živanović”

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:779396-Naknada-za-zastitu-zivotne-sredine-i-do-04-odsto-prihoda?fbclid=IwAR3_zwgwdu4Wf_oe9vmXRAPZUF8bVTZEYaxu7j0v72HkXCS2oz1jkmq2NEs

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top