TAFE firma il contratto per l’acquisto di IMT, inizia la produzione entro la fine dell’anno

L’impresa indiana TAFE ha firmato oggi il contratto per l’acquisto dell’IMT (Industria delle macchine e trattori) di Belgrado in fallimento per 66,08 milioni di dinari. L’accordo è stato firmato dal vice direttore di TAFE Kamal Ahudja e il rappresentante dell’agenzia fallimentare Dusan Dragojlovic.

Alla firma hanno partecipato l’Ambasciatore dell’India in Serbia Narinder Chauhan, il primo ministro serbo Ana Brnabic e il Ministro dell’Agricoltura, delle foreste e delle risorse idriche Branislav Nedimovic.

TAFE ha annunciato un investimento multi millionario, con la produzione nei prossimi cinque anni di almeno 5.000 i trattori. L’obiettivo è quello di raggiungere una produzione di 10.000 trattori, e di assumere circa 800 lavoratori.

Ana Brnabic ha dichiarato che la vendita di IMT “ha posto fine a un lavoro enorme” e che il Governo serbo contribuirà ad avviare la produzione di trattori già da quest’anno. “L’avvio di IMT è una grande cosa per l’industria serba perché TAFE porterà nuove conoscenze, nuove tecnologie e nuovi posti di lavoro”, ha detto la Brnabic, aggiungendo che “È  importante che ci sia l’umento di marchi serbi perché un tempo erano la forza dell’economia locale”. Ha sottolineato che il lancio di una ex fabbrica di trattori sarà un beneficio sia per la Serbia che per gli agricoltori che acquisteranno più facilmente le parti di ricambio, e i sussidi forniti dallo Stato per l’acquisto di trattori non saranno più destinati all’acquisto di trattori importati.

La Brnabic ha detto che il Governo serbo sta cercando soluzioni per le aziende in fallimento. Il problema dell’azienda Mgnohroma dovrebbe essere risolto tra circa due settimane, per RTB Bor si sta negoziando con un partner strategico, e si ha in piano di lanciare i vecchi marchi  “Ikarbus” e “BIP” (Industria della birra di Belgrado) e di ripristinare la fabbrica “Toza Markovic”.

Il ministro dell’Agricoltura ha affermato che il 95% dei trattori prodotti dalla IMT è compatibile con il modello di trattore prodotto dalla TAFE. “Tutti i Balcani stanno cercando trattori perché sul mercato non ci sono produttori seri, e probabilmente TAFE esporterà trattori dalla Serbia verso il Nord Africa”, ha affermato Nedimovic. Ha sottolineato anche che TAFE farà di IMT una fabbrica di successo, proprio com’era una volta. “I movimenti IMT sono importanti per il prodotto interno lordo della Serbia (PIL) perché solo 400 trattori sono stati prodotti l’anno scorso nel nostro paese”, ha detto il Ministro.

Il vice direttore TAFE Kamal Ahudja ha espresso la sua soddisfazione per il fatto che l’azienda, una delle tre più grandi aziende al mondo nella produzione di trattori e macchine agricole, abbia acquisito il marchio IMT. L’IMT è in bancarotta dal 2015, quando il debito era di 186 milioni di euro.

All’asta tenutasi il 2 aprile, TAFEE, unico partecipante, ha acquistato uno stabilimento a Jarkovac vicino a Secanj, il diritto al marchio e tutto l’equipaggiamento dell’IMT, mentre la terra dove la fabbrica è attualmente a Nuova Belgrado rimane di proprietà dello Stato della Serbia.

(https://naslovi.net/2018-04-11/beta/tafe-potpisao-ugovor-o-kupovini-imt-a-pokretanje-proizvodnje-moguce-do-kraja-godine/21494400 )

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top