Studio sulla violazioni dei diritti dei lavoratori: l’86% dei lavoratori soffre in silenzio

Circa la metà, forse anche i due terzi, degli intervistati, che hanno partecipato alla ricerca del Centro per lo sviluppo di sindacalizzazione sui diritti dei lavoratori, ha detto che in Serbia non si rispettano i diritti dei lavoratori, ha affermato uno degli autori dello studio, Srecko Mihajlovic.

L’indagine ha coinvolto 2.500 lavoratori di cinque categorie, lavoratori a tempo indeterminato, determinato, “lavoratori a contratto”, lavoratori in nero e disoccupati in cerca di lavoro.

“La metà dei lavoratori che lavora a tempo indeterminato e determinato ritengono che i loro diritti non vengono rispettati”, ha detto Mihajlovic in una conferenza stampa in cui ha presentato la ricerca.

Mihajlovic ha sottolineato che il 69% dei lavoratori a giornata e dei lavoratori in nero ha dichiarato che non vengono rispettati i diritti del lavoro, mentre solo dal 3-9% degli intervistati ha affermato che i loro diritti del lavoro sono stati rispettati.

Quando è stato chiesto ai lavoratori se avessero l’appoggio dello Stato, il 65-71% degli intervistati ha risposto che “il governo e lo stato tutelano solo gli interessi dei capitalisti”.

Secondo la tesi di Mihajlovic, solo tra l’8 e il 17% degli intervistati ritiene che gli interessi dei lavoratori siano tutelati.

Mihajlovic ha detto che il 52% dei lavoratori a giornata ha dichiarato di aver avuto esperienza con lo stroncamento dei loro diritti e, sfortunatamente, quest’esperienza l’ha avuta anche il 39% dei lavoratori a tempo determinato e il 36% dei lavoratori a tempo indeterminato.

Quando è stato chiesto a loro quali dei diritti del lavoro gli sono venuti a mancare, il 45% ha detto che si trattava di stipendi troppo bassi, il 31% ha indicato l’assenza di contratto, il 28% ha detto che i pagamenti degli stipendi sono irregolari, il 25% ha indicato il pagamento irregolare dei contributi per l’assicurazione sociale e sanitaria, il 23% ha citato il mobbing, il 22% gli straordinari non pagati e il lavoro notturno e per finire il 21% ha indicato la discriminazione e la mancanza di rispetto degli orari di lavoro.

Nessuno si lamenta

“Il risultato più frustrante di questo studio è il silenzio di tutti coloro i cui diritti vengono violati. Dei lavoratori che hanno partecipato allo studio l’86% dei lavoratori con contratto non si è lamentato dei suoi problemi, come nemmeno l’84% dei lavoratori a giornata, l’82% dei lavoratori a tempo determinato e il 69% dei lavoratori a tempo indeterminato. Tutti riimangono in silenzio e soffrono, ha detto Mihailovic.

Tra le ragioni del loro silenzio citano la paura di perdere il lavoro come anche la convinzione che nulla può essere fatto, sperano solo in un futuro migliore.

http://rs.n1info.com/Vesti/a445832/Istrazivanje-o-krsenju-radnickih-prava-u-Srbiji-Cak-86-odsto-kaze-da-cuti-i-trpi.html?fbclid=IwAR2YpnEoaROJx0tnu1oU9E8olgqrE4RtzsUGEzOa1dxhtLFVZH4NSt2AoLI

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top