Strategia UE per i Balcani occidentali: quali effetti per l’economia serba?

La Strategia dell’Unione europea per i Balcani occidentali ha aperto la possibilità di adesione a Serbia e Montenegro entro il 2025. Ma le economie domestiche possono raggiungere gli indicatori medi di sviluppo economico nell’Unione?

Le stime hanno dimostrato che la Serbia e la regione necessitano di maggiori investimenti e di una crescita più rapida al fine di ridurre il divario tra loro e l’UE. Il sostegno politico per l’adesione si traduce in maggiore assistenza finanziaria? Il Commissario Hahn sostiene che sarà lo stesso all’inizio, ma con priorità diverse.

“Non ci sarà alcun aumento degli aiuti finanziari in termini assoluti, ma le priorità saranno spostate e modificate e, di fatto, ci sarà più denaro disponibile per lo sviluppo economico. Ad esempio, forniremo prestiti e garanzie per il settore privato”, afferma il Commissario per l’Allargamento dell’UE Johannes Hahn.

La Serbia e la regione hanno bisogno di assistenza economica molto più significativa da parte dell’UE per raggiungere la media europea nel prossimo futuro, avvertono gli analisti. La Banca Mondiale ha stimato che occorreranno 60 anni ai Balcani occidentali per raggiungere il tasso medio di crescita economica nell’UE.

Se la crescita economica fosse del 6% all’anno, la regione si avvicinerebbe alla media dell’UE entro il 2030, ha affermato Dusan Rajic dell’Istituto tedesco per la politica estera e la sicurezza. “I paesi regionali non possono ottenere questo da soli”, aggiunge Rajic.

L’analisi dell’Istituto tedesco per la Politica estera e la Sicurezza suggerisce che alla Serbia e ad altri dovrebbe essere già garantito l’accesso a fondi strutturali non rimborsabili dell’Unione europea disponibili solo per gli Stati membri, da cui la Croazia, ad esempio, riceverà 12 miliardi di euro nei i prossimi tre anni.

Secondo Rajic, i fondi di preadesione IPA possono essere ampliati attraverso investimenti in infrastrutture – principalmente trasporti, trasporti, energia, istruzione e salute, scienza e sviluppo: “Ecco dove l’intera regione è in ritardo rispetto al resto del continente”.

La strategia dell’UE prevede che negli anni precedenti l’adesione all’UE, la Serbia possa aspettarsi un aumento significativo delle sovvenzioni di preadesione, che attualmente ammontano a circa 200 milioni di euro all’anno, al fine di prepararsi all’uso efficiente di importi molto più elevati attualmente disponibili per Stati membri.

(RTS, 10.02.2018)

http://www.rts.rs/page/stories/sr/story/13/ekonomija/3034655/trka-za-evropskim-prosekom-potrebno-vise-investicija.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top