Stipendio medio in Serbia: lo scarto tra i dati e la realtà

Ogni comunicato diffuso dall’Ufficio nazionale di statistica riguardo lo stipendio medio in Serbia è di solito accolto con incredulità e scetticismo da parte del pubblico in generale.

La ragione è semplice. La maggior parte della forza lavoro serba ha un salario che è inferiore allo stipendio medio citato dall’Ufficio statistico, che, nel mese di ottobre di quest’anno (secondo gli ultimi dati statistici), è stato pari a 45,281 dinari.

Lo stipendio medio è calcolato in base al valore complessivo delle retribuzioni di tutti i dipendenti in Serbia. Tale informazione viene fornita dall’Amministrazione fiscale, e il dato viene poi ripartito per il numero di stipendi.

Tuttavia, in realtà, i rendimenti più elevati danno un’immagine distorta dell’importo reale dello stipendio medio in Serbia. Nei paesi sviluppati, per esempio, il cosiddetto salario mediano è adottato come il vero indicatore del livello di vita della popolazione. Il salario medio è letteralmente il salario “nel mezzo”, il che significa che la metà dei lavoratori ha guadagnato al di sotto di questo livello.

Secondo il Professore della Facoltà di Economia di Belgrado, Mihailo Arandarenko, in base alla consueta distribuzione dei salari in un’economia media i 2/3 dei salari sono al di sotto della media, e 1/3 al di sopra della media. A causa di tale distribuzione, il salario mediano è generalmente inferiore a quello medio, tra il 10% e il 15%. Nel caso della Serbia, ciò implica che il salario medio oscilla tra i 38.500 e i 40.750 dinari.

Purtroppo, a differenza di altri paesi europei, non sono disponibili dati statistici ufficiali circa il salario medio in Serbia. Il Presidente dell’Associazione delle piccole e medie imprese, Zoran Vujovic, ritiene che gli alti stipendi nelle imprese pubbliche e nelle imprese di proprietà statale, nelle agenzie e nel settore della Pubblica Amministrazione contribuscono ad aumentare il dato relativo al salario medio, distorcendo l’immagine reale.

“Gli investitori stranieri che hanno aperto fabbriche qui a causa della nostra manodopera a basso costo pagano in genere salari minimi, così come le piccole imprese e i piccoli imprenditori. Il dato secondo cui il salario medio è pari a 45.000 dinari non è quindi realistico. Le statistiche possono dare un quadro generale della situazione, ma non restituiscono un’immagine scientificamente accurata”, sostiene Vujovic, aggiungendo che botteghe artigiane, piccoli imprenditori e le PMI in Serbia contano circa 800.000 dipendenti.

(eKapija, 22.12.2016)

http://www.ekapija.com/website/sr/page/1629407/Najvi%C5%A1e-zarade-u-Srbiji-iskrivljuju-stvarnu-sliku-uobi%C4%8Dajenih-primanja-Prose%C4%8Dna- plata-od-45-000-Dinara-realno-IPAK-Manja
[widget id=”text-22″]

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top