Stevanović: “L’attuale governo in Serbia è lo specchio della nostra società”

Lo scrittore Vidosav Stevanović ha affermato che l’attuale governo in Serbia è la somma di tutte le cattive qualità, abitudini e costumi del Paese, in un certo senso l’espressione della comune mancanza di capacità, responsabilità, onestà e intelligenza.

In un’intervista al settimanale “Novi Magazin”, Stevanovic ha detto che un regime autocratico si instaura quando troppi individui hanno bisogno di liberarsi delle responsabilità personali e trasferiscono il proprio potere decisionale a qualcun altro. “E poi le vecchie o nuove élite creano un autocrate a loro piacimento, e il potere è costruito attorno al suo potere fittizio, imposto dalla violenza e dalla propaganda, e mantenuto dalla paura e dall’inganno”.

Alla domanda sul tipo di Serbia che l’attuale élite politica si lascerà alle spalle, Stevanovic diche che sarà “quasi la stessa che ha trovato”. “C’è chi vota per lo più persone peggiori e soluzioni peggiori, quasi sempre contro i cambiamenti e la modernizzazione, chi protesta per sciocchezze e subisce volentieri la perdita dei diritti, e tutti sono convinti di farlo per patriottismo, per rispetto degli antenati e puro amore per il proprio Paese, per i discendenti da una libertà innata”.

Lo stesso ha valutato che il governo attuale ha reso lo Stato secondo i suoi bisogni, debole, incompiuto e insicuro. Confrontando diversi periodi di governo dal 1990 ad oggi, Stevanović ha affermato che molte cose sbagliate rimangono e non cambiano. “Sempre la stessa utopia, la stessa propaganda, lo stesso discorso, con un breve interludio di Djindjic, la stessa politica che le sconfitte non hanno rovesciato, l’hanno solo rafforzata nel potere, nel discorso pubblico e nella coscienza delle persone. E ci sono i giovani che con apatia, senza il desiderio di avere una propria opinione e visione del mondo, hanno accettato le storie più stupide dei loro genitori”, ha spiegato.

Alla domanda su chi sia il più grande oppositore dell’attuale governo, Stevanović ha risposto “lui stesso”. Secondo lui, la Serbia ha bisogno di un governo diverso da quello attuale e migliore dei precedenti. “Più democratico, meno populista e quindi meno corrotto, pacifico e no bellicoso, creativo anziché parassitario. In breve, intelligente, pratico, flessibile e intraprendente”.

Affinché il governo diventi così, ha aggiunto Stevanović, è necessario che gli elettori capiscano che sono elettori e che molte cose nella loro vita dipendono da come compileranno la scheda elettorale. “E che lo Stato, con l’aiuto di un governo così eletto, si liberi dai servizi segreti e da pretese militari, si liberi da una megalomania piemontese e dal pensiero unico delle piazze, riduca la burocrazia e curi il parassitismo di partito, diventando davvero uno Stato laico; e rifiuti tutte le politiche fallite, le sconfitte e le perdite del nostro passato comune”.

Photo credits: “Aleksandra Petrović/Nova.rs/arhiva”

Vidosav Stevanović: Aktuelna vlast je zbir svih naših loših osobina i navika

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top