Stefanovic: la Serbia si prende cura dei migranti

Il Ministro dell’Interno Nebojsa Stefanovic ha dichiarato mercoledì che la Serbia sta avendo “cura eccellente” dei migranti nel suo territorio.

Stefanovic ha anche accusato “alcune ONG” di “incitare i rifugiati contro il governo serbo”.

Secondo il Ministro, i volontari “vengono nei parchi dove i migranti si riuniscono ogni mattina e dicono loro che verranno deportati qualora salissero a bordo di uno degli autobus”, riferendosi agli autobus che i migranti possono utilizzare per raggiungere uno dei centri di accoglienza o di asilo, e abbandonare le strade e i magazzini di Belgrado.

“So quali organizzazioni sono responsabili e le abbiamo già contattate”, ha riferito il Ministro a Pink TV.

Stefanovic ha informato che c’è ancora spazio nei centri di accoglienza, aggiungendo: “nessun migrante può essere lasciato fuori nella neve, e lo Stato deve, e si prenderà cura di loro”.

Secondo lui, “milioni di migranti” sono passati attraverso la Serbia senza grossi problemi”, il che dimostra l’ottima organizzazione dei nostri servizi”.

Finora circa 100 migranti hanno presentato domanda di asilo in Serbia “ma le loro destinazioni sono i paesi dell’Europa occidentale, il nostro paese è solo una tappa per loro”, ha detto Stefanovic.

(b92, 18.01.2017)

http://www.b92.net/eng/news/society.php?yyyy=2017&mm=01&dd=18&nav_id=100268 

Foto di copertina: Darko Vojinovic, AP

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top