Stefanovic: efficace contrasto all’immigrazione clandestina

Nel corso degli ultimi sei mesi sono state più di 20.000 le persone fermate nel tentativo di entrare illegalmente in Serbia: è quanto ha riferito il Ministero degli Interni Nebojsa Stefanovic domenica, in occasione della sua visita presso il centro di accoglienza temporanea per i migranti nella municipalità di Obrenovac, a Belgrado.

Stefanovic ha sottolineato che “nessun sistema può assolutamente fermare la migrazione, ma alcune di queste persone possono essere ricondotte ai paesi circostanti attraverso il sistema di ritorno”.

Secondo il Ministro, tale “sistema” starebbe funzionando bene con la Bulgaria, e tentativi per la sua implementazione sono in corso in Macedonia: “l’Europa può aiutare la Serbia, in relazione alla gestione dei migranti e al loro re-invio nei paesi di origine, e possiamo assolutamente contare sul suo sostegno”. Stefanovic ha aggiunto che i migranti oggi in Serbia sono “grati per il trattamento decente, normale e umano loro riservato dalla polizia, a differenza di quanto accade in altri paesi”.

“Il nostro compito è quello di garantire tanto la sicurezza dei migranti quanto quella dei nostri cittadini, il che implica il non pesare sui cittadini, perche la Serbia è uno stato responsabile che vuole aiutare le persone”, ha dichiarato Stefanovic, aggiungendo che nessuna soluzione sostenibile per la crisi dei migranti può essere trovata senza “una posizione unitaria e un accordo in Europa, insieme ad una strategia di solidarietà”.

“La Serbia continuerà ad agire seriamente, in modo responsabile e con umanità, e noi non permetteremo a queste persone di soffrire le conseguenze”, ha sottolineato Stefanovic.

Il Ministro è stato accompagnato nella sua visita dal Ministro del Lavoro, Aleksandar Vulin, del Ministro della Difesa, Zoran Djordjevic, dal Capo dell’UNHCR Serbia, Hans Friedrich Schodder, e dal sindaco della municipalità di Obrenovac Miroslav Cuckovic.

(b92, 30.01.2017)

http://www.b92.net/eng/news/politics.php?yyyy=2017&mm=01&dd=30&nav_id=100369

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top