Stagnazione della produzione industriale

La produzione industriale nel novembre 2023 ha registrato una crescita su base annua del 3,6%. La crescita della produzione industriale nei primi 11 mesi dello scorso anno, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, è stata del 2,6%, secondo l’ultima edizione della rivista Macroeconomic Analysis and Trends (MAT).

“Tuttavia, nei dieci mesi precedenti, il volume fisico della produzione industriale totale è stato superiore di circa il 2,5% rispetto alla media dello scorso anno. Se il settore della trasformazione non riprenderà il passo a partire da gennaio 2024, possiamo aspettarci tassi di crescita su base annua molto più modesti per l’industria in generale”, afferma MAT.

A novembre 2023, l’industria manifatturiera ha registrato una crescita su base annua (rispetto a novembre 2022) del 2,5%, mentre il settore minerario ha registrato un calo dello 0,2%.

I settori dell’elettricità, del gas e del vapore hanno registrato una crescita annua del 10,3% a novembre.

Se si considerano i primi 11 mesi dello scorso anno, la crescita totale dell’industria del 2,7% è dovuta principalmente alla produzione di energia elettrica (2,13 punti percentuali), all’industria di trasformazione (0,4) e all’industria mineraria (0,14).

L’analisi del MAT sottolinea che l’industria mineraria e quella di trasformazione sono praticamente ferme da almeno nove mesi e che la produzione di energia elettrica ha registrato la stessa tendenza.

Si sottolinea inoltre che il rilancio dell’industria manifatturiera dell’Eurozona è improbabile.

Un’inversione di tendenza dell’industria serba potrebbe verificarsi nella seconda metà del 2024, se si avviasse la produzione di massa della Fiat Panda a Kragujevac.

A novembre, il valore del commercio estero è diminuito per l’ottavo mese consecutivo, del 2% rispetto all’anno precedente.

Da gennaio a novembre 2023, il valore del commercio estero della Serbia è diminuito dell’1,6% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Il valore delle importazioni di beni si è ridotto del 5,8% e il valore delle esportazioni è aumentato del 4,5%.

L’effetto positivo è un deficit commerciale esterno significativamente più basso (un calo di 3,2 miliardi di euro o del 31%) rispetto allo stesso periodo del 2022.

(Danas, 09.01.2024)

https://www.danas.rs/vesti/ekonomija/mat-industrija-pokazuje-trend-stagnacije/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
× Thinking to invest in Serbia? Ask us!