SSP: “Ai giovani del progetto “Moja prva plata” non sono riconosciuti i diritti fondamentali”

Il Partito della Libertà e della Giustizia (SSP) ha avvertito che ai giovani che in Serbia hanno ottenuto un lavoro nell’ambito del progetto “Moja prva plata” (Il mio primo stipendio) non è riconosciuto alcun diritto perché non ricevono né un salario minimo né alcun contributo.

In un comunicato, si afferma che lo Stato sta cercando di “migliorare” le statistiche sull’occupazione in Serbia con questo progetto, mentre si pone la questione se l’obiettivo di tale idea sia lo “sfruttamento e l’umiliazione di giovani e persone istruite”.

Come è stato affermato, è emerso che i dipendenti sono stati privati ​​dei diritti e retribuiti la metà, mentre alcuni non hanno ancora ricevuto “neanche un dinaro” dal Servizio nazionale per l’impiego, che è obbligato a pagare per il loro lavoro.

Secondo il partito SSP, i giovani dipendenti non ricevono uno stipendio ma un compenso attraverso quel progetto, il che significa che “non ci sono tasse o contributi pagati, non hanno diritto a congedi per malattia tranne che per un infortunio sul lavoro, e nemmeno al diritto al trasporto pagato o alle ferie pagate”.

https://www.danas.rs/politika/ssp-zaposleni-kroz-projekat-moja-prva-plata-nemaju-radna-prava/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... contributi, diritti lavoro, giovani
giovani
In Serbia un quinto dei disoccupati sono giovani

Dal 1° gennaio nuove condizioni per il pensionamento

Chiudi