Sremski Karlovci avrà il nuovo Istituto Nazionale di Viticoltura ed Enologia

26.000 ettari di vigneti e la zona cresce di anno in anno; ciò richiede anche il supporto logistico di persone esperte. Questa è la ragione principale per la costruzione di un nuovo Istituto per la viticoltura e l’enologia a Sremski Karlovci, che unirà non solo i viticoltori della Serbia, ma anche la regione.

Decenni di lavoro professionale e scientifico rappresentano un segmento particolarmente importante della viticoltura e della vinificazione, una tradizione che lega i produttori e la Facoltà di Agraria al dipartimento.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“Siamo arrivati ​​all’idea stessa dello sviluppo di questo Istituto in collaborazione con i produttori, con il governo provinciale e, naturalmente su nostra iniziativa; tutti abbiamo riconosciuto che è di grande importanza al fine di migliorare la nostra viticoltura realizzare tutte le specificità cruciali e raggiungere quelle del nostro territorio; con le ultime tecnologie e tecniche, anche di conservazione, ci si aspetta che lo sviluppo di questo istituto e della viticoltura in Serbia e nella regione verrà notevolmente migliorato”, ha affermato il professor Dragoslav Ivanisevic.

Gli studenti della Facoltà di Agraria di Novi Sad, quando si tratta di viticoltura e vinificazione, hanno finora seguito la parte pratica dei loro studi esclusivamente a Sremski Karlovci, dove è prevista la costruzione di questa struttura.

“Il futuro Istituto Nazionale di Viticoltura ed Enologia sarà di grande importanza per i nostri studenti, prima di tutto perché saranno in grado di verificare le loro conoscenze teoriche e pratiche in un unico posto, e allo stesso tempo sarà un centro in cui accoglieremo tutti i soggetti interessati quando si tratta di incentivi per la viticoltura. Sarà un centro dotato di attrezzature all’avanguardia disponibile a tutti i produttori di vino”, ha affermato il prof. Dr. Nedeljko Tica, Decano della Facoltà di Agraria di Novi Sad.

Il governo provinciale ha incoraggiato lo sviluppo tecnologico della viticoltura con importanti stanziamenti finanziari.

“È solo dal 2017 che riceviamo sussidi da quegli agricoltori che sono coinvolti nella viticoltura e nella vinificazione. In tre anni, abbiamo investito 160 milioni di dinari nell’attrezzatura di vinerie in tutta la Vojvodina insieme ai produttori di vino. Questi sono investimenti significativi nell’acquisizione di attrezzature all’avanguardia al fine di avere una migliore qualità di vinificazione e vini più competitivi”, ha sottolineato Vuk Radojevic, segretario provinciale per l’agricoltura.

L’obiettivo del futuro Istituto è innanzitutto quello di educare e di informare adeguatamente, il tutto con l’intenzione di aiutare i coltivatori ad aumentare la produzione delle viti.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2019&mm=09&dd=11&nav_id=1589674

Photo credits: “Depositphotos, samot”

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top