Sostituito Dragan Djilas

La destituzione del  sindaco di Belgrado è stata decisa oggi dal Consiglio cittadino attraverso una votazione segreta.

Hanno votato a favore della decadenza del primo cittadino gli esponenti del PUPS (il partito dei pensionati) e del SPS (il partito socialista), oltre a quelli del SNS (i progressisti) e del DSS (i democratici serbi), che avevano presentato la mozione di sfiducia discussa oggi; i rappresentanti del DS, il partito di Djilas, non hanno preso parte alla votazione. Al termine l’ormai ex sindaco, sostenendo che Belgrado deve continuare sempre nella stessa direzione, ha ringraziato tutti i consiglieri comunali e si è detto convinto che fra sei mesi molti di loro saranno di nuovo parte del Consiglio e che lui sarà di nuovo sindaco. Djilas ha detto di essere orgoglioso di tutto ciò che ha fatto negli ultimi cinque anni: ponti, scuole, asili nido, i servizi sociali nella loro totalità, testi scolastici gratuiti… Prima della seduta, Djilas aveva dichiarato ai giornalisti che il voto sulla sua sostituzione non ha niente a che fare con il governo cittadino, ma che è solo un segno del lento scivolamento del Paese nella dittatura. Milan Krkobabic, il leader dei pensionati che, assieme al partito socialista, ha “tradito” Djilas determinandone la caduta, ha detto ieri sera che Aleksandar Vucic gli ha promesso il mantenimento dell’attuale politica sociale cittadina in cambio del voto a favore della destituzione del sindaco.

(b92.net, 24.09.2013)

SRBIJA SEDNICA GRAD

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top