Sono 91 le città in Serbia ancora non raggiunte dal virus

Secondo gli ultimi dati ci sono 785 persone contagiate da coronavirus in Serbia. In 91 città del Paese, secondo Darija Kisic Tepavcevic, vicedirettrice dell’Istituto “Batut”, il virus non è arrivato e “fondamentale è ora non permettere all’infezione di espandersi nei posti dove non si è fatta vedere finora”.

“Dove è già presente, dobbiamo impedire che si diffonda. Non dobbiamo permettere che il virus si diffonda ancora anche se non appena riscontriamo nuovi casi significa che ciò sta accadendo”.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

La stessa ha notato che è molto importante rendersi conto che “se avessimo lasciato diffondersi il virus da solo, naturalmente, avremmo avuto un’epidemia simile a una fiamma, e sarebbe stato terribile, non solo per il sistema sanitario, ma per l’intera popolazione. Ora stiamo provando a farlo uscire, per abituarci gradualmente a questo virus”, ha spiegato.

La Kisić Tepavčević ha sottolineato ancora una volta che è importante rendersi conto che non siamo degli osservatori passivi, ma influenziamo direttamente l’aspetto della curva con il nostro comportamento.

“Finora siamo stati in grado di fare ciò che abbiamo voluto fare con queste misure. Ogni vita persa è davvero qualcosa di negativo e pensiamo che si sarebbe potuto fare meglio”.

In alcune città più piccole ci sono molte persone infette in percentuale alla popolazione, “perché si sono radunate per feste, cene…”

“Come dei pappagalli, ripetiamo sempre le stesse cose, ma sembra non essere sufficiente. Ancora una volta dico, qualunque sia la misura adottata noi abbiamo un ruolo chiave. Non esiste guardia o agente di polizia per ognuno di noi che controllerà se rispettiamo tutto…”

In Serbia il coprifuoco è stato prolungato e ora tutti non possono uscire dalle 17 alle 5 nei giorni feriali e dalle 15 alle 5 nei fine settimana, a partire da domenica 29 marzo. A chi ha più di 65 anni è consentito fare la spesa solo dalle 3 alle 8 del mattino, poiché i negozi per loro sono aperti dalle 4 alle 7. Il Presidente Aleksandar Vucic ha affermato che, a meno di risultati migliori, introdurrà nei prossimi giorni un coprifuoco di 24 ore.

Anche la misura precedente che permetteva ai proprietari di cani di andare a passeggio tra le 20 e le 21 è stata abolita. Più di 2.000 persone sono state denunciate per violazione del coprifuoco o dell’autoisolamento obbligatorio.

https://mondo.rs/Magazin/Zdravlje/a1303767/Korona-virus-Srbija-gradovi-u-kojima-nema-korona-virusa.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top