Sono 4 i protocolli sanitari pensati per l’industria degli eventi

Alla seconda riunione tra l’industria serba degli “eventi”, la città di Belgrado, la Camera di Commercio e il gabinetto della Premier Ana Brnabić, è stato concordato l’invio al governo di quattro protocolli pensati per l’organizzazione di eventi futuri.

In una dichiarazione a “Tanjug”, il vicesindaco di Belgrado, Goran Vesić, ha spiegato che si tratta di protocolli compilati dall’Istituto comunale di sanità pubblica.

“I quattro protocolli pensati per l’organizzazione del lavoro di locali notturni, matrimoni, congressi, festival, concerti con musica dal vivo dovrebbero essere inviati al governo della Serbia oggi”, ha spiegato Vesić ed ha espresso fiducia nel governo affinché adotti il ​​piano di apertura, sull’esempio di Gran Bretagna e Israele. Secondo lui è importante, perché tali eventi non possono essere organizzati in un giorno, quindi è necessaria l’adozione di alcune dinamiche preventive.

Vesić ha sottolineato che le dinamiche di apertura dipendono dalle dinamiche di vaccinazione e “se la dinamica di vaccinazione va alla velocità attuale, torneremo alla vita normale più velocemente”, è convinto il vicesindaco.

Ha sottolineato che è stato concordato con gli organizzatori dei festival più importanti, come “Exit”, “Beer Fest”, “Love Fest”, di creare una campagna, che sarà finanziata dal Comune di Belgrado, rivolta ai giovani per sottolineare che dalle vaccinazioni dipende la rapidità con cui torneranno le feste che tanto amano.

L’organizzatore del festival “Exit”, Dusan Kovacevic, ha affermato che Serbia e Gran Bretagna sono leader nella vaccinazione e che il Paese balcanico dovrebbe prendere la Gran Bretagna come modello, sottolineando che la Gran Bretagna consentirà eventi con un massimo di diecimila persone a partire dalla metà di maggio e revocherà tutte le restrizioni dal 21 giugno.

“Siamo soddisfatti che i nostri protocolli saranno inviati oggi al governo della Serbia. Abbiamo creato quattro potenziali scenari all’interno dei quali è possibile restituire l’evento all’industria, e spetta al governo decidere se consentirli e con quali misure”.

All’incontro hanno partecipato la Segretaria per la Protezione Sociale, Natasa Stanisavljevic, così come il Segretario per la Difesa, le Situazioni di Emergenza, la Comunicazione e il Coordinamento dei Rapporti con i Cittadini, Darko Glavas.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2021&mm=04&dd=07&nav_id=1839023

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top