Solo istituzioni forti impediscono ai giovani di emigrare

L’enorme emigrazione della popolazione giovane ed istruita nei Paesi sviluppati dell’Europa occidentale sarà, nel prossimo decennio, forse il più grande problema economico e fiscale della maggior parte dei paesi dell’Europa centrale e orientale (CEECs), compresa la Serbia.

Sebbene i flussi sfavorevoli di migrazione dalla Serbia nei prossimi anni non possano essere completamente frenati, l’emigrazione potrebbe essere ridotta rispetto al livello attuale se il governo adottasse misure efficaci e globali. Il problema, tuttavia, è che al posto di tali misure, finora sono state menzionate solo soluzioni parziali, costose e non testate, che sono quindi molto probabilmente inefficaci.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Una ricerca mostra che le misure di gran lunga più efficaci che possono invertire la tendenza crescente dell’emigrazione della forza lavoro giovane e qualificata dalla Serbia all’Europa occidentale sono: migliorare la qualità delle istituzioni (combattere la corruzione, migliorare lo stato di diritto) e migliorare la qualità dei servizi pubblici (riforme, salute, istruzione e altro). Altre misure, compreso persino un ipotetico aumento dei guadagni medi fino a 900 euro entro la fine del 2025, non invertiranno il crescente trend di emigrazione dalla Serbia.

L’emigrazione è quadruplicata in due decenni

Attualmente ci sono circa 11 milioni di emigranti CEECs nell’Europa occidentale e il loro numero è quasi triplicato dal 2000. Ciò significa che fino al 10% della popolazione CEECs totale risiede attualmente in Europa occidentale. All’inizio degli anni 2000, circa lo 0,2% dei residenti della CEECs emigrava in Europa occidentale ogni anno, ma già nel 2017 tale percentuale era salita a circa l’1%.

L’aumento dell’emigrazione è economicamente molto dannoso per i paesi CEECs e l’effetto negativo sulla crescita economica è stimato in 0,5 punti percentuali all’anno. In primo luogo, sono in gran parte migranti permanenti, con solo circa la metà degli immigrati che ritorna nei loro Paesi di origine. In secondo luogo, gli emigranti della CEECs che vivono nell’Europa occidentale rappresentano circa il 75% della popolazione in età lavorativa (20-64 anni), mentre la partecipazione media della popolazione in età lavorativa nella CEECs è di circa il 60%.

In terzo luogo, le persone che emigrano hanno un’istruzione migliore di quasi il doppio rispetto alle persone che rimangono nei loro Paesi di origine. In quarto luogo, la possibilità di sostituire la forza lavoro assumendo disoccupati dal mercato del lavoro interno è a malapena possibile, poiché il tasso di disoccupazione nei paesi CEECs è sceso nel 2019 a solo il 4,2% in media, numero inferiore al tasso di disoccupazione medio nei Paesi occidentali (5,3%).

Il motivo principale per cui si parte è lo standard basso?

La spiegazione prevalente che si dà all’emigrazione è la differenza negli standard di vita, ma in realtà l’aumento degli standard nella CEECs non ha contribuito a una diminuzione dell’emigrazione. Mentre all’inizio del duemila il PIL pro capite nei paesi CEECs era in media solo il 38% del PIL dell’Europa occidentale, lo stesso PIL ha raggiunto oltre il 60% nel 2018.

Riducendo quindi la differenza negli standard di vita, vale a dire aumentando il livello dei salari nella CEECs rispetto ai paesi dell’Europa occidentale, la popolazione CEECs dovrebbe scegliere in misura minore di emigrare nell’Europa occidentale; in realtà è vero il contrario. Le emigrazioni sono ora di molte volte superiori a quelle del 2000.

Quindi, i Paesi che hanno un’alta corruzione, bassi livelli di stato di diritto e non forniscono ai cittadini servizi pubblici di alta qualità (sanità, istruzione, amministrazione, ecc.), di norma hanno percentuali elevate di emigrazione. Questo è, a tutti gli effetti, il motivo principale per cui l’emigrazione annuale dalla Lettonia e dalla Lituania è la metà di quella dalla Croazia, sebbene lo stipendio medio in Croazia (che è inferiore a 900 euro) sia leggermente più alto rispetto a quello di questi due Stati baltici (dove è tra 800 e € 850).

https://www.danas.rs/ekonomija/samo-jake-institucije-sprecavaju-odlazak-mladih/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in CEEcs, emigrazione, Europa Occidentale
Più difficile emigrare in Germania dal 1° marzo 2020: test di lingua e nuovi limiti di età

emigrazione
L’FMI mette in guardia la Serbia: “Perderete un quinto dei lavoratori”

Close