Società spagnola avvia produzione a Priboj

La società spagnola Refisa avvierà la produzione presso la Zona Franca di Priboj, in uno stabilimento in affitto dell’estensione di 2000 metri quadrati. I lavori di adattamento e allestimento della struttura sono in fase di completamento e Refisa rappresenta il primo investitore straniero ad operare in questa zona franca. 

Il contratto stipulato tra il Comune di Priboj e Refisa, che produce componenti in poliestere per l’arredamento interno di veicoli ferroviari, vincola l’investitore spagnolo all’obbligo di assumere personale per un numero variabile da 40 a 50 unità entro la fine dell’anno, per raggiungere poi il numero totale di 100 entro la fine del prossimo. Numerosi ingegneri e operai hanno già completato il periodo di formazione presso la fabbrica di Refisa in Spagna.

I componenti prodotti in Priboj saranno venduti alle società ferroviarie spagnole e russe.

“Il governo della Serbia è riuscito a convincere i manager di Refisa ad espandere le loro capacità. Dopo aver messo questa fabbrica in funzione, l’investitore firmerà un contratto di leasing per un altro stabilimento di 2.000 metri quadrati, che consentirà ulteriori assunzioni. La creazione di ogni singolo posto di lavoro ha per il nostro comune, economicamente debole, un’importanza capitale”, ha dichiarato Krsto Janjusevic, consigliere municipale di Priboj.

L’esempio di Refisa, inoltre, dovrebbe essere seguito da un’altra piccola società spagnola attiva nell’industria del metallo e intenzionata a trasferire la propria produzione nella zona franca entro la fine del 2016.

(eKapija, 06.09.2016)

http://www.ekapija.com/website/sr/page/1536575/Spanish-company-opening-train-component-factory-in-Priboj-Jobs-for-50-workers-by-late-2016

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in investimenti esteri
La rinascita dell’industria tessile a Nis

Incontro Orban-Vucic pone le basi per una maggiore cooperazione tra Serbia e Ungheria

Close