Società italiana in arrivo a Jagodina

Il Presidente della Municipalità di Jagodina, Dragan Markovic Palma, ha annunciato che, entro quarantacinque giorni, una società italiana avvierà i lavori finalizzati alla costruzione di una fabbrica di tubi in alluminio.

La fabbrica consentirà l’assunzione di circa 400 lavoratori. Altri quattro case di produzione italiane (tra cui Vibac Balcani d.o.o., Gruppo Aunde Italia, e Mobilturi) operano già con successo a Jagodina, e la più recente sarà la quinta.

“Nella fase iniziale il progetto di investimento prevede l’assunzione di 150 lavoratori, mentre la fase successiva dovrebbe assicurare la creazione di ulteriori 250 nuovi posti di lavoro”, ha annunciato Markovic nel corso di una conferenza stampa.

Il Sindaco ha aggiunto, inoltre, che la società italiana nutre l’intenzione di “espandersi nella coltivazione e lavorazione della frutta. Questo implica che i coltivatori di frutta a Jagodina e Pomoravlje avranno un altro cliente e un prezzo garantito per i loro prodotti”.

Markovic ha osservato che, in questo modo, tra le 2.500 e le 3.000 persone avranno la possibilità, indirettamente, di trovare un impiego.

(eKapija, 22.03.2017)

http://www.ekapija.com/website/sr/page/1706401/Italijani-planiraju-izgradnju-fabrike-aluminijumskih-cevi-u-Jagodini-Po%C4%8Detak-radova-najverovatnije-u-maju-2017

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top