Sindacato Sloga: la legge sul lavoro sarà modificata per soddisfare il capitalismo asiatico

Gli emendamenti alla legge sul lavoro, annunciati per il 2019, stabiliranno che i datori di lavoro saranno in grado di verificare le ragioni per cui i loro dipendenti vanno in congedo per malattia e licenziarli se ritengono che hanno preso il congedo fingendo di essere ammalati, afferma  l’Associazione dei sindacati di Serbia, Sloga.

Nel suo comunicato stampa, Sloga afferma che l’obiettivo degli emendamenti è di intimidire i dipendenti a lavorare anche quando temono di perdere il lavoro.

“L’ attuale legge sul lavoro regola questo problema, ma non è chiaro quali siano i cambiamenti che si intendono raggiungere, se non che i lavoratori saranno tenuti in una sorta di costante paura di perdere il lavoro quando sono malati. Si pensa che gli emendamenti alla legge nascondano problemi peggiori per quanto riguarda i diritti dei lavoratori e che i lavoratori serbi saranno presto costretti a lavorare secondo lo stile asiatico con le condizioni di lavoro molto inferiori agli standard di lavoro in Europa”, scrive il comunicata stampa di Sloga.

I sindacati esortano il governo a non giocare con i diritti umani e allo stesso tempo chiedono che l’intera bozza degli emendamenti alla legge sul lavoro sia resa pubblica.

I media riferiscono che questi emendamenti siano stati redatti a causa delle stime che dimostrano che su 280.000 assenze per malattia all’anno oltre all’11% erano false richieste di malattia. Ciò significa che oltre 30.000 lavoratori ogni anno sono assenti dal loro lavoro, nonostante non abbiano problemi di salute, riferisce il quotidiano Informer.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Gli emendamenti alla legge sul lavoro sono stati proposti dalla Camera di Commercio e dell’Industria di Serbia (CCIS) e saranno esaminati all’Assemblea nazionale all’inizio del 2019.

Il presidente della CCIS, Marko Cadez, ha dichiarato che i nuovi regolamenti impedirebbero il crescente abuso di congedi per malattia. Il CCIS ha proposto al Ministero del Lavoro di modificare la legge in modo tale da consentire ai datori di lavoro di richiedere al medico una conferma dello stato di salute del dipendente indisposto.

“Se il datore di lavoro venisse a scoprire che vi è stato effettivamente un abuso del congedo per malattia, potrà per legge licenziare il dipendente in questione”, ha concluso Cadez.

Sloga: Izmena Zakona o radu se prilagođava azijskom kapitalizmu

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top