Sicurezza alimentare: i piani degli arabi di Al Dahra in Serbia

Al Dahra prevede di stanziare milioni di dollari quest’anno per migliorare la sicurezza alimentare: nella sola Serbia il piano include l’acquisto di terreni fino a 20.000 ettari.

Gli arabi hanno in programma di spendere circa 130 milioni l’anno per l’acquisto di terreni coltivabili di tutto il mondo e per investimenti in progetti che garantiscano una maggiore sicurezza alimentare, secondo quanto rivelato dal Direttore Generale di Al Dahra, Khadim Al Darei.

Al Dahra è una società specializzata nella coltivazione, produzione e commercializzazione di prodotti alimentari, ben nota al pubblico serbo, che, secondo il manager, prevede di estendere la partnership a lungo termine con questo paese.

L’azienda possiede già 1.000 ettari di terreno in Serbia e il suo piano ne prevede l’ulteriore acquisto, per raggiungere l’obiettivo di 20.000 ettari.

“Destineremo circa 130 milioni di dollari per affittare e acquisire la proprietà della terra”, ha annunciato Al Darei al Forum mondiale per le innovazioni in agricoltura, che ha ospitato oltre 300 aziende provenienti da tutto il mondo.

Al Darei ha aggiunto che l’azienda sta compiendo notevoli progressi in Egitto, dove possiede più di 54.000 ettari. Oltre ad Egitto e Serbia, l’azienda ha 4.000 ettari negli Stati Uniti e in Spagna, e circa 2.000 in Australia.

(b92, 20.03.2017)

http://www.b92.net/eng/news/business.php?yyyy=2017&mm=03&dd=20&nav_id=100810

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top