Seselj e Orban gli ultimi di una lunga serie di onorificenze da parte della Chiesa Ortodossa

Finché era metropolita, Porfirije criticava chi dava gli Ordini della Chiesa ortodossa serba, mentre ora lui stesso ha dato onorificenze a Seselj e Orban. “Un mafioso su due in Serbia ha ricevuto l’ordine della Chiesa ortodossa serba. L’ordine non significa nulla, l’ordine si è svalutato”, aveva affermato Porfirije, quando era metropolita di Zagabria-Lubiana. La situazione oggi è alquanto diversa.

Il leader radicale Vojislav Šešelj è l’ultimo di una serie di destinatari dell’ordine della Chiesa ortodossa serba e nell’elenco figurano anche i Ministri Aleksandar Vulin e Siniša Mali, il presidente della Serbia unita Dragan Marković Palma, il direttore della BIA Bratislav Gašić, il redattore-capo di Večernje Novosti Milorad Vučelić, scrive “Nova.rs.”

Il Partito Radicale Serbo ha annunciato domenica che la diocesi della Chiesa ortodossa serba di New Gračanica ha conferito l’Ordine di San Mardarije al leader radicale Vojislav Šešelj. Vojislav Šešelj, tra l’altro, è stato condannato all’Aia per crimini contro l’umanità, e sono state presentate accuse penali contro di lui per aver minacciato oppositori politici e giornalisti, per minacce a politici dissidenti, giornalisti, minacce a manifestanti con una pistola, aver preso a pugni un tassista…

Il Premier ungherese Viktor Orbán, noto per le sue opinioni di destra, ha ricevuto il più alto riconoscimento della SPC, pochi giorni dopo che il busto di Miklos Horthy, uno stretto alleato di Adolf Hitler, era stato esposto al parlamento ungherese. Su ordine di Horthy fu commesso uno dei più grandi genocidi in questa regione nel 1942, quando a Novi Sad 25mila vittime innocenti furono uccise e gettate sotto i ghiacci del Danubio e della Tisa.

Anche il Ministro Aleksandar Vulin è stato insignito dell’Ordine di San Sava e di un’altra alta decorazione. Un altro membro del governo serbo che ha ricevuto l’ordine è il Ministro delle finanze Sinisa Mali, il quale ha plagiato il dottorato, i suoi 24 appartamenti in Bulgaria sono stati oggetto di attenzione pubblica per molto tempo e la sua ex moglie lo ha contrassegnato come qualcuno che ha ordinato la demolizione notturna del quartiere di Savamala. Nell’elenco ci sono anche il Ministro Nikola Selaković e il direttore della BIA Bratislav Gašić.

Photo credits: “SPC”

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/316812/Dok-je-bio-mitropolit-Porfirije-kritikovao-nosioce-ordenja-SPC-a-sad-odlikuje-Seselja-i-Orbana.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top