Serwer: “Vučić guarda a Cina e Russia e in Serbia chi è al potere ruba molto”

Il professore americano Daniel Serwer ha affermato che è chiaro che il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, non è più seduto “su due sedie”, ma su una, che guarda verso la Russia e la Cina.

“Vučić ha detto chiaramente che non avrebbe risolto la questione del Kosovo prima delle elezioni del prossimo anno, e probabilmente neanche nel prossimo mandato se sarà rieletto. Quindi, non è più seduto su due sedie, ma su una sedia che è rivolta verso Russia e Cina”, ha detto Server alla televisione “N1”, quando gli è stato chiesto della frustrazione dei leader dell’UE riguardo alle relazioni di Belgrado con Pechino e Mosca.

Server, un esperto dei Balcani, ha anche affermato di vedere un problema di corruzione in Serbia simile a quello in altre parti dei Balcani. “Perché Albin Kurti è diventato il Premier del Kosovo? C’era la sensazione che la corruzione fosse fuori controllo e che sarebbe stato in grado di controllarla. Quando si parla della Serbia penso sia chiaro, c’è chi è al potere da un po’ di tempo e l’élite sta rubando molto. Non sono contrario a che le persone lo capiscano e tengano in considerazione questo fatto quando si recano alle urne”.

Lo stesso ha dichiarato che Vučić è riuscito a reprimere l’opposizione, che sia la stampa che i tribunali sono sotto il suo controllo e che questo significa che molto probabilmente, se non si presenterà un forte leader nei liberaldemocratici, verrà rieletto.

Serwer, professore alla “Johns Hopkins University”, ha aggiunto che il vertice dell’Unione europea e dei Balcani occidentali della scorsa settimana in Slovenia lascia la porta aperta all’allargamento dell’UE, anche se è chiaro che i Paesi candidati dovranno soddisfare condizioni molto rigorose. “Penso sia troppo presto per parlare di una data, perché questi Paesi sono abbastanza lontani dal soddisfare i criteri e non credo che menzionare il 2030 come data sarebbe positivo”.

Lui pensa che “uno o due Paesi” potrebbero diventare membri dell’Unione prima del 2030, e che Kosovo, Albania e Macedonia del Nord “rimangono abbastanza orientati verso l’Occidente e l’adesione all’UE”, ma che devono far di più “soprattutto quando si tratta di implementare le richieste dell’UE e il mantenimento della democrazia e di una società aperta”.

L’esperto ha concluso che il governo in Serbia ha reintrodotto l’autocrazia e ha diretto la sua politica estera verso est. “Questo vale anche per alcuni altri Paesi dei Balcani occidentali, ma in una certa misura anche per il Montenegro. Il Montenegro ha un governo che ama i russi, e anche il governo precedente aveva attirato grandi investimenti dalla Cina, sotto forma di un’autostrada che si sta costruendo”.

https://www.danas.rs/politika/server-vucic-vise-ne-sedi-na-dve-stolice-elita-u-srbiji-dosta-krade/

Photo credits: “FoNet/Aleksandar-Levajković”

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top