Serbia al primo posto per rapporto qualità-costo del lavoro

Nella scelta di una eventuale nuova sede, generalmente gli investitori procedono alla valutazione di un intero pacchetto dei servizi, nel quale sono compresi anche i costi del lavoro. In questo campo le aziende non sono interessate tanto agli operai più economici, quanto al miglior rapporto tra qualità e il costo del lavoro.

“Considerando questo parametro, la Serbia è il primo paese della regione”: è quanto  afferma l’Agenzia dello sviluppo della Serbia.

Alcuni giorni fa l’azienda austriaca “Efko” ha comunicato alle autorità di Vienna l’intenzione di trasferire le sue operazione d’affari in Serbia, poiché l’assunzione dei lavoratori stagionali costa di più rispetto ai quanto costa ai concorrenti tedeschi. Se dal canto suo, ad esempio, un datore di lavoro austriaco cerca di ottenere le condizioni per sé più favorevoli, gli operai serbi si chiedono se stipendi bassi e evitare di pagare contributi siano veramente un vantaggio principale per attirare gli investitori.

Se si rivolge la domanda alle istituzioni statali, impegnate ogni anno ad attirare 2 miliardi di euro degli investimenti esteri, la risposta è chiaramente no, come spiega Aleksandar Miloradovic, consulente nell’Agenzia dello sviluppo della Serbia: “i costi di lavoro sono importanti per gli investimenti che consentono assunzioni di gran numero delle persone e una produzione di massa. Però, ci sono molti investitori per cui questo non è il motivo principale”. 

“La forza di lavoro serba non è la più economica nella regione, neanche quando si compara con alcuni paesi europei quali Romania. Gli investitori non stanno cercando i lavoratori più economici, ma il miglior rapporto tra la qualità e il costo di lavoro. Noi promuoviamo le capacità tecniche dei nostri lavoratori, la conoscenza delle lingue e altre qualifiche. Molti investitori dicono di non aver avuto bisogno di trasferire in Serbia nessuno, tranne il direttore, nell’aprire aziende qui” ha detto Miloradovic.

Secondo Miloradovic, le aziende estere analizzano l’intero pacchetto dei servizi “organi statali-stabilità politica-obblighi fiscali-complessità delle procedure-livello di istruzione della forza di lavoro”.

“La Serbia possiede forse la miglior offerta nella regione dell’Europa sudorientale. Inoltre, la Serbia si trova al secondo posto dei paesi europei per i posti di lavoro creati da investimenti esteri. Secondo le ricerche dell’azienda “Ernest and Young” la Serbia è tra i primi cinque paesi più attrattivi per gli investimenti esteri”, afferma Miloradovic.

Gli investitori esteri possono fare affidamento su incentivi che, in Serbia, non devono superare la metà del valore del investimento. Queste regole valgono anche nell’Europa. “Gli investitori che ricevono le sovvenzioni sono tenuti a mantenere il numero concordato dei dipendenti fino a cinque anni, mentre durante tutto il periodo, il progetto è sottoposto al controllo dello Stato”, ha concluso Miloradovic.

(Novosti, 11.07.2016.)

Share this post

scroll to top
Altro... investimenti, investimenti esteri
Vranje, nuova fabbrica di “Ditre Italia” e 600 posti di lavoro

Leoni AG: 700 nuovi posti di lavoro a Prokuplje

Chiudi