Serbia pronta a rivedere la politica delle accise sul carburante

L’Associazione delle compagnie petrolifere della Serbia (UNKS) ha preparato diverse possibilità per cambiare la politica delle accise, al fine principalmente di alleviare l’economia, ma anche utilizzare le potenzialità disponibili per aumentare il fatturato del carburante.

La Serbia è da tempo matura per rivedere la politica delle accise sui carburanti, dicono in “UNKS”, la quale ha recentemente presentato le sue proposte al Ministero delle Finanze: “Non guardiamo l’intera faccenda in modo unilaterale, quindi proporremo modifiche che contribuiranno alla crescita delle entrate di bilancio nel medio e lungo termine”, afferma il segretario generale dell’UNKS, Tomislav Mićović per il portale “Energija Balkana”.

Con l’aumento del prezzo del petrolio e dei derivati ​​del petrolio alle stazioni di servizio, i cittadini, ma anche l’economia, hanno un aumento del costo del carburante. Sta di fatto che nel prezzo dei prodotti petroliferi, il 50 o più sono interventi statali: tributi, accise e tasse varie.

Micovic afferma che le entrate delle accise hanno una quota diversa nel totale delle entrate fiscali da Paese a Paese, “ma rappresentano un reddito relativamente sicuro e facilmente esigibile per tutti. Tuttavia, quando gli oneri fiscali aumentano troppo, possono in qualche altra maniera portare a un calo delle entrate nell’erario dello Stato. Vista da questo punto di vista, la Serbia è da tempo matura per rivedere la politica delle accise sull’energia”.

Secondo lui, il Ministero delle Finanze ha diverse possibilità per modificare la politica delle accise. “Abbiamo in programma di proporre modifiche che contribuiranno alla crescita delle entrate di bilancio nel medio e lungo termine”, conclude.

https://www.ekapija.com/news/3416245/udruzenje-naftnih-kompanija-predlaze-promenu-akciza-na-gorivo-srbija-u-regionu-ima

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top