La Serbia è 40° nel mondo per la parità di genere

Secondo il Global Gender Gap Report redatto dal World Economic Forum, la Serbia si classifica 40° tra i 144 paesi presi in esame in termini di parità di genere, guadagnando otto posti rispetto allo scorso anno: lo ha comunicato la vice premier e Presidente del Corpo di coordinamento per l’uguaglianza di genere, Zorana Mihajlovic.

Mihajlovic ha sottolineato che la Serbia ha migliorato il suo punteggio in termini di parità di genere in settori quali la sanità, l’educazione e l’empowerment politico delle donne, mentre conserva la stessa posizione rispetto all’anno scorso in termini di partecipazione economica delle donne.

“Oggi, per quanto riguarda l’uguaglianza di genere, la Serbia ha la migliore posizione in tutta la regione. La Croazia è dietro di noi, al 54° posto, la Bosnia-Erzegovina è 66°, la Macedonia è 67° e il Montenegro 77°. Rispetto al 2012, quando siamo stati al 50° posto, abbiamo guadagnato dieci posizioni”, ha aggiunto Mihajlovic.

Mihajlovic ha anche affermato che il governo serbo è stato impegnato nell’implementazione di un bilancio responsabile di genere e che la Serbia è l’unico paese al di fuori dell’UE ad essersi dotata di un indice di uguaglianza di genere.

“Negli ultimi tre anni, cioè dalla creazione dell’organo di coordinamento, abbiamo fatto molto per migliorare la posizione delle donne in Serbia. Stiamo migliorando le istituzioni pertinenti, varando leggi e strategie, migliorando la cooperazione con le organizzazioni della società civile e lanciando o sostenendo campagne per il benessere delle donne”, ha ricordato Mihajlovic.

L’indice di divario di genere del rapporto classifica i paesi in base al divario di genere tra uomini e donne in quattro settori chiave: sanità, istruzione, economia e politica. La relazione misura lo svantaggio delle donne rispetto agli uomini e non è strettamente una misura di uguaglianza. È stato pubblicato per la prima volta nel 2006 dal World Economic Forum e prende in considerazione 144 grandi ed emergenti economie.

(RTS, 07.11.2017)

http://www.rts.rs/page/stories/sr/story/9/politika/2931628/srbija-u-rodnoj-ravnopravnosti-40-na-svetu-od-144-zemlje.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in diritti
donne
Natalità e diritti delle donne: è scontro tra il SNS e i DS

Omerovic
Omerovic risponde al Patriarca Irinej: donne libere di decidere sulla maternità

Close