La Serbia non ha ancora una legge sui Bitcoin

“Ci aspettiamo che la Serbia approvi il regolamento sulla criptovaluta nei prossimi cinque anni”, ha dichiarato Nikola Korbar, Direttore del Centro per la ricerca economica di Belgrado. In un seminario intitolato “Bitcoin – New Currency o New Speculative Bubble”, tenutosi presso la Camera di Commercio serba, Korbar ha sottolineato che l’UE ha già adottato il regolamento sulla criptovaluta, e poiché la Serbia sta lavorando per l’adesione all’UE, una regolamentazione simile potrebbe essere adottata anche nel nostro paese.

Gli investimenti in Bitcoin, criptovaluta più popolare, hanno finora dimostrato di essere molto redditizi, ma è stata anche consigliata cautela: “Le persone dovrebbero investire in criptovaluta tanto quanto sono disposte a perdere, e non ipotecare le loro case per comprarla”, ha avvertito Korbar. Il 90% dei Bitcoin sono stati acquistati da persone con solo il 4,5% di indirizzi IP, il che significa che una manciata di persone ne possiede la maggioranza.

“Se queste poche persone decidono di abbattere il prezzo di Bitcoin, possono farlo facilmente. Quando il loro valore è salito a circa $ 4.500, qualcuno ha venduto 20.000 Bitcoin, e il prezzo è poi sceso a $ 1.900 in un periodo di tempo relativamente breve”, spiega Korbar. Mercoledì scorso, il valore di un Bitcoin era di $ 16.739.

“Il Bitcoin gode di una grande copertura mediatica perché è la criptovaluta più popolare al momento. C’è chi pensa che le criptovalute siano una bolla speculativa e uno schema piramidale come Jezda e Dafina in Serbia, nel passato. Non è questo il caso. Le persone non dovrebbero essere scoraggiate dal suo utilizzo, ma non dovrebbero nemmeno agire in modo avventato quando le comprano”, conclude Nikola Korbar.

(Vecernje Novosti, 21.12.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:702236-Jos-nemamo-zakon-za-bitkoin

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Leggi articolo precedente:
Gas: la Serbia entrerà nel progetto Turkish Stream
Kosovo: Questa volta è la Serbia ad essere il “bravo ragazzo”
Chiudi