Serbia e Italia unite nella lotta alla corruzione

In occasione dell’incontro che Aleksandar Vucic ha avuto martedì con Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione italiana, il Primo Ministro serbo ha ringraziato l’Italia per l’assistenza assicurata nella lotta alla corruzione, sottolineando che si tratta di una prova del sostegno che il Governo italiano accorda alla Serbia nel suo percorso verso l’integrazione europea.

Vucic ha rimarcato che la Serbia confida nella cooperazione tra le proprie istituzioni e quelle italiane, considerando la lotta alla corruzione quale pilastro della difesa di uno stato moderno.

Cantone ha lodato le misure adottate dal governo della Serbia: la lotta alla corruzione rappresenta un ulteriore elemento di stimolo agli occhi degli investitori stranieri e costituisce il fondamento imprescindibile per la ripresa economica.

Il progetto di gemellaggio “Prevenzione e lotta alla corruzione“, lanciato ufficialmente martedì, è stato presentato ai cittadini come un chiaro messaggio della presenza dell’Unione Europea in Serbia e del suo impegno nella risoluzione concreta di problemi specifici.

Il progetto, dal valore di due milioni di euro, si estenderà lungo l’arco di due anni e consentirà il trasferimento di buone pratiche, esperienze e know-how specializzato tra l’Agenzia anti-corruzione della Repubblica di Serbia, da una parte e la gemella Autorità nazionale della Repubblica d’Italia. L’obiettivo è quello di rafforzare i meccanismi di prevenzione predisposti dal governo serbo, e di promuovere il ruolo attivo dell’Agenzia, delle organizzazioni della società civile, dei media, e di altre autorità pubbliche competenti. Sul sito web dell’Agenzia serba viene comunicato che “alla luce dei negoziati tra la Repubblica di Serbia e l’Unione europea, il progetto contribuirà al processo di riforme e armonizzazione degli obiettivi e dei valori dell’UE in relazione ad una più efficace lotta alla corruzione (capitolo 23). L’attuazione del progetto è affidata all’Autorità Nazionale Anticorruzione, al Ministero della Giustizia, alla Scuola superiore della Magistratura della Repubblica d’Italia in stretta collaborazione con l’Agenzia anti-corruzione della Repubblica di Serbia”. 

(Tanjug, 11.10.2016)

http://tanjug.rs/full-view_en.aspx?izb=275417

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top