Serbia e Albania firmano accordo per Camera di commercio congiunta

Albania e Serbia hanno annunciato la costituzione di una Camera di commercio congiunta, sulla base di un memorandum di intesa firmato venerdì a Nis, dove un forum economico ha riunito 160 rappresentanti di 40 imprese serbe e albanesi.

L’obiettivo è quello di rafforzare i legami economici tra i due paesi, che versano attualmente in una situazione non soddisfacente. L’iniziativa di BiznesAlbania, un’organizzazione di datori di lavoro e associazioni imprenditoriali, e della Camera di Commercio e dell’Industria della Serbia è stata illustrata alla presenza del Primo Ministro albanese, Edi Rama, e del suo omologo serbo, Aleksandar Vucic.

Il direttore di BiznesAlbania, Luan Bregasi, sostiene che la creazione della Camera congiunta rappresenta la conseguenza del miglioramento delle relazioni politiche tra i due paesi: “dobbiamo trarre vantaggio da questo rinnovato slancio e creare un corpo funzionante capace di potenziare le relazioni tra i due paesi”.

Ispirandosi all’esempio dell’Unione Europea, costituita inizialmente come un’unione economica, Bregasi è convinto che la collaborazione tra le imprese abbia il potenziale per influenzare positivamente altri aspetti delle relazioni: “lo scopo della nuova istituzione è quello di facilitare gli scambi commerciali, sollecitando i governi dei due paesi ad approvare una legge per migliorare il clima economico. La promozione delle imprese è un altro degli obiettivi prioritari, mentre la discussione strutturata già in corso tra gli imprenditori di entrambi i paesi dovrebbe rivelarsi molto utile”.

Secondo i dati contenuti nell’ultimo rapporto della Banca Mondiale sulle tendenze economiche nei Balcani occidentali pubblicato nel mese di settembre, le economie di entrambi i paesi stanno conoscendo una fase di ripresa. La crescita economica della regione appare resiliente, insieme al calo della disoccupazione. In Serbia, la crescita è passata dallo 0,7% dello scorso anno al 2,5% previsto per quest’anno. In Albania, secondo il rapporto, gli investimenti privati vengono convogliati per lo più in progetti infrastrutturali.  I due paesi vengono anche elogiati per il lavoro finalizzato alla riduzione del deficit di bilancio, che dopo aver superato la soglia del 6% del PIL nel 2014, si è ora attestato al 2,5%.

Tuttavia, Gjergj Buxhuku, Amministratore Generale della Confederazione delle Industrie d’Albania, considera la creazione della Camera congiunta una manovra politica e burocratica destinata al fallimento, in parte perché la questione del Kosovo continua a rendere tese e problematiche le relazioni economiche e commerciali tra serbi e albanesi: “serbi e albanesi hanno bisogno di dialogare e di risolvere i loro problemi di convivenza e di collaborazione a lungo termine. Hanno bisogno di questo più che di simili soluzioni tradizionali bizantine. Una nuova organizzazione risulta inutile nel momento in cui i cittadini di entrambi i paesi pagano per istituzioni statali che non funzionano”.  In quest’ottica sviluppi economicamente sostenibili tra i due paesi se sarebbero possibili se la questione del Kosovo dovesse continuare ad essere ignorata: “Serbia e Albania sono due nazioni vicine, ma non paesi confinanti. Tra di loro c’è il Kosovo, e questo non è senza importanza, in quanto ogni progetto infrastrutturale, energetico, riguardante telecomunicazioni e trasporti deve includere il Kosovo”. 

Arben Shkodra, vice Presidente dell’Unione delle Camere di Commercio e dell’Industria in Albania, aveva dichiarato in agosto che le relazioni commerciali tra i due paesi sono ancora in uno stato non ottimale: il volume annuo totale del commercio tra Serbia e Albania non supera i 100 milioni di euro, mentre gli scambi tra il Kosovo e la Serbia ammontano a circa 1 miliardo di euro: “anche questo rapporto appare disuguale, in quanto dominato all’80% dalla Serbia”. 

(BalkanInsight, 14.10.2016)

http://www.balkaninsight.com/en/article/albania-business-representatives-split-over-a-commerce-chamber-with-serbia-10-13-2016

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Albania, Camera di Commercio della Serbia
Vucic-Rama: scontro su indipendenza Kosovo e Trepca

Belgrade Security Forum: riflettori puntati su relazioni Serbia-Albania

Close