Serbi più fiduciosi nello shopping online: vestiti, giocattoli e mobili ai primi posti

Lo shopping online in Serbia è senza dubbio in crescita, con circa 1,8 milioni di cittadini che hanno effettuato acquisti nel Paese nel 2019. I serbi acquistano principalmente vestiti e articoli sportivi, quindi articoli per la casa, mobili, giocattoli e spesso prenotano alloggi per le vacanze e pagano i viaggi.

L’anno scorso, lo shopping online ha registrato un aumento del 32,8% rispetto al 2018, ha detto a “Tanjug” Tatjana Matic, segretario di Stato presso il Ministero del commercio, del turismo e delle telecomunicazioni, basandosi sui dati dell’Ufficio per le Statistiche.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“A novembre, la Banca nazionale serba ha rivelato la cifra secondo cui la transazione di pagamento totale per l’acquisto di beni e servizi online nel 2019 ammonta a 12,3 miliardi di dinari, e questo è un salto significativo rispetto allo scorso anno”, ha detto la Matic.

Secondo lei, rispetto al 2018, si tratta di un aumento del commercio online del 32,8%, rispetto al 2017 un aumento di circa il 118%, e rispetto al 2016, è un aumento del 302%. La Matic sottolinea che anno dopo anno, le transazioni di pagamenti online stanno diventando sempre più dominanti in Serbia. Dice che poco più di 1,8 milioni di persone nel Paese hanno fatto acquisti online nell’ultimo anno, con un aumento del 18% rispetto all’anno precedente.

“Riteniamo che questo aumento sia significativo, ma che non sia sufficiente e che vi sia un ampio spazio per aumentare sia il numero di clienti che il numero di transazioni di pagamento attraverso Internet”, ha affermato la Matic. Sottolinea che il Ministero ci lavorerà l’anno prossimo in linea con il piano d’azione adottato dal governo serbo per promuovere il commercio elettronico. Inoltre, lo sviluppo del commercio elettronico consentirà anche nuove regole ai sensi della nuova legge sul commercio, che introduce i termini “negozi elettronici” e “piattaforme elettroniche”.

Inoltre, gli emendamenti alla legge sul commercio elettronico introducono meccanismi di prevenzione di frodi e inganno dei cittadini, poiché è vietato inviare messaggi commerciali non richiesti, per i quali sono previste multe di 100.000 dinari per un’entità legale o 20.000 dinari per un imprenditore.

La nuova legge sui servizi postali, entrata in vigore l’8 novembre, aiuterà anche a proteggere i clienti elettronici perché presenta l’obbligo per l’operatore postale di identificare il mittente al momento della ricezione del pacco, in modo che i commercianti online dovranno ora tenere conto di che cosa è stato ordinato, inviato e pagato.

I dati dell’Ufficio mostrano che fino al 63% dei prodotti acquistati online nel 2019 erano articoli sportivi e abbigliamento, seguiti da articoli per la casa, mobili e giocattoli il 37,9% e alloggi per le vacanze il 25,3%. Attraverso internet, i cittadini hanno anche acquistato apparecchiature elettroniche, biglietti per eventi culturali, libri / riviste / giornali, servizi di telecomunicazione, prodotti farmaceutici, giochi, film, musica, hardware e almeno il 6,3% di alimenti e prodotti alimentari.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2020&mm=01&dd=02&nav_id=1637341

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in online, Serbi, shopping online
KFOR: le autorità serbe sono state informate in anticipo dell’operazione ROSU in Kosovo

Lo stipendio dei programmatori in Serbia è raddoppiato nell’ultimo anno

Close