Sempre più stranieri interessati all’acquisto di immobili in Serbia

Sempre più stranieri decidono di acquistare immobili in Serbia. Le banche concedono persino prestiti per la casa ai non residenti, ma con tassi di interesse leggermente più alti rispetto ai cittadini serbi. Belgrado è diventata attraente anche per gli stranieri, i quali comprano per lo più in contanti, anche se le banche offrono ora mutui speciali per i non residenti.

“Per quanto riguarda la documentazione, è più o meno la stessa per i nostri clienti stranieri così come per i cittadini serbi che fanno domanda qui in Serbia; valutiamo il rischio in base al reddito e in base ai contratti di lavoro. Per quanto riguarda la garanzia del prestito, sono immobili che i clienti acquistano con una quota di entrata obbligatoria”, afferma Velibor Savić, direttore di della “Api Bank”.

La crisi dovuta alla pandemia non sembra aver avuto un grande impatto sull’edilizia: il fatturato immobiliare è aumentato del 2% lo scorso anno e il volume delle costruzioni di circa l’8%. I prezzi al metro quadrato stanno aumentando e tre appartamenti venduti su quattro vengono acquistati in contanti.

“La cosa è regolata dalla legge e solo i cittadini dei Paesi che hanno una reciprocità con la Repubblica di Serbia possono essere proprietari di immobili in Serbia, per esempio non possono i cittadini di Macedonia, Iran, India…In questo momento, tra il 10 e il 15% dei nostri acquirenti sono non residenti”, afferma Bojan Bulatović, direttore delle vendite nel progetto “Beograd na vodi”.

“Gli immobili all’estero sono per lo più acquistati da russi e cinesi. I russi, ad esempio, possono ora contrarre un prestito anche in Serbia a condizioni simili a quelle che ricevono nel loro Paese; offriamo anche appartamenti di lusso su misura per le loro esigenze”.

Tutto ciò solleva la questione se sia realistico, con le normative vigenti, aspettarsi che le città serbe assumano la diversità culturale tipica di metropoli come New York o Londra.

“Non abbiamo noi una norma che consenta l’ottenimento della residenza se l’investimento supera un certo importo. Il 70% dei Paesi in via di sviluppo e sviluppati nel mondo ha tali norme. Tanti stranieri decidono di acquistare e investire in immobili in quei Paesi perché sono interessati ad avere la residenza lì, per mandare i bambini a scuola o per farsi curare. Questo vale soprattutto per le persone dei Paesi che provengono dal terzo mondo”, spiega Nenad Djordjevic, presidente del consiglio di amministrazione dell’agenzia “Cluster”.

I greci hanno un programma chiamato “visto dorato” che garantisce la residenza permanente a chi investe più di 250.000 euro in immobili. Gli americani garantiscono la residenza permanente agli acquirenti di immobili per un valore di più di un milione di dollari.

https://www.rts.rs/page/stories/sr/story/13/ekonomija/4338461/koronavirus-nekretnine-stambeni-krediti.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Beograd na vodi, immobili, non residenti, reddito
A causa della pandemia il 70% delle aziende in Serbia ha avuto redditi inferiori rispetto al 2019

Rapporto tra costo degli immobili e reddito; Belgrado al 4° posto in Europa

Chiudi