Sembra inarrestabile la crescita del mercato immobiliare serbo

Negli ultimi anni i prezzi degli immobili in Serbia sono aumentati costantemente. Il metro quadro costa in media il 30% in più di tempo fa, il valore del mercato immobiliare è aumentato di 100 milioni di euro fino ai 4,2 miliardi di euro in un anno, e non è finita. La domanda continua a crescere e ci si chiede perché i prezzi degli immobili stiano aumentando e se siamo di fronte a una bolla che deve scoppiare?

La questione è tanto più attuale perché l’aumento del prezzo dei metri quadrati in molte città può essere monitorato anche su base mensile. Così, ad esempio, gli appartamenti nei comuni di Belgrado di Voždovac, Nuova Belgrado e Mirijevo sono aumentati di prezzo fino al 5% dall’inizio dell’anno. Il metro a Novi Sad va nella stessa misura, mentre a Nis, in alcune parti della città, da dicembre si è registrata una crescita fino al 30%. Per Durlan e Palilula a Nis, il prezzo è aumentato in media del 15%. A Kragujevac i prezzi sono stagnanti, mentre a Pancevo sono aumentati fino al 10% negli ultimi cinque mesi.

Mentre da tempo si prevedeva che sarebbe scoppiata la “bolla”, o si vociferava che si trattasse di “vicissitudini monetarie”, secondo gli esperti la crescita dei prezzi al metro quadro è influenzata da fattori reali.

“I prezzi degli immobili in Serbia sono dettati dal mercato immobiliare. In una situazione in cui l’offerta di appartamenti e case in vendita è limitata e ci sono potenziali acquirenti, quindi c’è domanda, sta accadendo ciò che accade in altri mercati economici: il prezzo delle merci, in questo caso immobiliare, è in aumento”, afferma la direttrice del portale “Nekretnine.rs”, Anita Pesic.

Certamente la semplice legge della domanda e dell’offerta non è l’unica causa dell’aumento dei prezzi, e sono diversi i fattori che influenzano l’ambiente in cui si svolge il mercato immobiliare.

Il fattore più significativo nella crescita dei prezzi del mercato immobiliare è il movimento dei tassi di interesse. Con tassi di interesse più bassi, che sono oggi anche due volte di meno di 10 anni fa, i prestiti stanno diventando più convenienti. Pertanto, più persone sono in grado di acquistare immobili e questo porta a prezzi più alti. È anche vero che sono sempre di più i cittadini con possibilità economiche, il che può essere collegato al calo della disoccupazione, cioè alla crescita dell’occupazione.

Investire in immobili non è quindi una decisione aziendale irragionevole per una banca, una compagnia di assicurazioni, un fondo di investimento, un imprenditore o qualcuno che ha deciso di acquistare un immobile per viverci. In Serbia non si è sviluppata né la cultura dell’investimento, né ci sono reali opportunità sui mercati dei capitali. Mentre nei Paesi più sviluppati, i risparmi vengono investiti in borse, fondi di investimento, ecc. nel Paese balcanico questo tipo di intervento economico è ancora agli inizi. In questo contesto, acquistare un appartamento per affittarlo è un’opzione più sicura che investire in un mercato dei capitali sottosviluppato o mettere quei soldi in una banca.

“In questo settore, non abbiamo l’abitudine di investire in titoli o metalli preziosi, ma investiamo capitali acquisiti o ereditati in immobili”, afferma Anita Pešić.

Inoltre, il mercato immobiliare in Serbia è pieno di “vendite vincolate”. Quando si guadagna denaro vendendo un appartamento o un terreno più grande, i venditori stessi generalmente decidono subito di reinvestire il denaro in diverse proprietà più piccole. Questo è uno dei motivi per cui il rapporto dell’Autorità geodetica afferma che ben l’84% delle transazioni immobiliari vengono pagate in contanti.

https://www.blic.rs/biznis/privreda-i-finansije/zasto-je-kvadrat-sve-skuplji-i-hoce-li-balon-da-pukne-cene-rastu-iz-meseca-u-mesec-od/752314j

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Belgrado, Investimento, mercato immobiliare, metro quadro
metropolitana
La costruzione della metropolitana di Belgrado inizierà a novembre di quest’anno

Godfrey: “Insoddisfatti dei continui differimenti per l’accordo Belgrado-Pristina”

Chiudi