Sembra in crescita il sostegno dei cittadini all’entrata della Serbia nell’UE

Il direttore esecutivo del CeSID Bojan Klacar ha presentato ieri, in occasione dell’ottava settimana della NATO a Belgrado, i risultati di un sondaggio sulle opinioni dei cittadini serbi riguardo la cooperazione con l’Occidente, la NATO e la risoluzione della questione del Kosovo; la ricerca mostra un maggiore sostegno all’adesione all’UE del Paese balcanico.

Klacar ha affermato che la ricerca è stata condotta dal 17 al 26 giugno, durante lo svolgimento delle elezioni e la continuazione del dialogo tra Belgrado e Pristina a Bruxelles, e ha visto la partecipazione di 1.000 persone di età superiore ai 18 anni.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Ha sottolineato che questa è la terza ricerca che il “CeSID” svolge per il Centro studi euro-atlantici e ha ricordato che la prima era stata effettuata nel 2018 sullo stesso campione e con la stessa tecnica, motivo per cui, ha aggiunto, i risultati sono comparabili.

“La ricerca differisce dalla precedente perché riguarda anche la cooperazione tra i Paesi nella lotta contro il coronavirus, e a questo proposito il 64% dei cittadini serbi ritiene che il nostro Paese dovrebbe collaborare con tutti gli altri e utilizzare gli aiuti di tutti”.

Klacar ha dichiarato che circa il 16% dei cittadini ritiene che l’aiuto dovrebbe arrivare da Cina e Russia, e altri ritengono che dovrebbe esserci una cooperazione con i Paesi della regione per rispondere alla crisi insieme a loro.

Se domani si svolgesse il referendum per l’ingresso della Serbia nell’UE, afferma Klačar, ben il 51% dei cittadini sosterrebbe l’ingresso nell’UE. Questa percentuale è più elevata rispetto alla ricerca condotta nel 2018 e nel 2019.

Il 31% dei cittadini si opporrebbe invece all’ingresso nell’Unione.

Quando si parla di NATO, non ci sono differenze significative rispetto alla ricerca precedente, perché, aggiunge, solo il 9% delle persone voterebbe per l’adesione della Serbia alla NATO, mentre il 72% sarebbe contrario.

Unica eccezione la capitale: il 14% dei belgradesi sarebbe invece a favore dell’entrata della Serbia nella NATO, percentuale al di sopra della media nazionale.

http://rtv.rs/sr_ci/politika/klacar-raste-podrska-gradjana-ulasku-srbije-u-eu_1146760.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in coronavirus, NATO, Serbia
Da oggi ai cittadini della Serbia vietata anche la Spagna

fabrizi
Sem Fabrizi: “Una parte importante dei fondi UE sarà indirizzata alla Serbia”

Close