Sem Fabrizi: “Le tensioni devono essere ridotte, i media devono essere obiettivi”

Il capo della delegazione dell’UE in Serbia, Sem Fabrizi, ha dichiarato che è necessario ridurre le tensioni nel Paese e che i media, i quali hanno un ruolo importante specialmente durante il periodo elettorale, devono essere obiettivi.

“È importante dire che l’animosità politica non dovrebbe trasformarsi in attacchi personali. I media non dovrebbero essere usati come strumento nella lotta politica, il dibattito dovrebbe essere condotto in modo corretto, le idee dovrebbero essere scambiate senza paura; sosteniamo tale narrativa politica”, ha detto Fabrizi alla televisione “N1”.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Per quanto riguarda la revoca dello stato di emergenza, Fabrizi ha affermato che la “preoccupazione legittima” di alcune organizzazioni è che esista la possibilità che rimangano in vigore alcune misure restrittive.

“Le misure che vengono attuate devono essere proporzionali, orientate correttamente e limitate nel tempo. La cosa buona è che lo stato di emergenza è stato revocato. La crisi non è finita, dobbiamo rispettare misure e distanza. Ecco perché è importante che le leggi vengano utilizzate nella lotta contro la pandemia”.

Ha aggiunto che l’UE monitorerà l’adozione delle leggi e attenderà la relazione annuale per i Paesi candidati prima di commentarle.

Il video-vertice di ieri tra l’Unione Europea e i Balcani occidentali Fabrizi lo valuta come un “buon incontro”.

“È importante che sia successo, nonostante le difficoltà dovute al virus. È stato un messaggio che la priorità dell’UE è quella di lavorare a stretto contatto con la Serbia e i Balcani occidentali. La priorità è stata sull’assistenza che l’UE ha fornito alla regione, ma anche sulla solidarietà e l’assistenza che è passata dai Balcani occidentali all’UE”, ha dichiarato Fabrizi.

Lo stesso ha dichiarato che anche la ripresa economica è stata discussa al vertice e che l’UE ha messo sul piatto 3,3 miliardi di euro per l’intera regione.

“È importante che la Serbia abbia partecipato alla conferenza e donato fondi per la produzione del vaccino per un importo di due milioni di euro. Abbiamo anche parlato di trasporti, trasporto di merci, flusso di persone e servizi. L’UE avrà presto un nuovo grande piano economico per la regione per aiutare l’economia a riprendersi”, ha detto Fabrizi.

Ha inoltre affermato che lo speciale partenariato tra l’UE e i Balcani occidentali e la prospettiva europea della regione sono stati confermati al vertice.

“Per la Serbia, l’allargamento è una realtà, ora dobbiamo concentrarci maggiormente sulla solidarietà, il lavoro congiunto e le riforme economiche sulla strada della ripresa”.

Commentando la percezione dell’opinione pubblica che molti più aiuti alla Serbia siano arrivati ​​dalla Russia e dalla Cina che dall’UE, Fabrizi ha invitato a esaminare dati e fatti sul campo.

“La Serbia è un Paese in procinto di aderire all’UE; doniamo ogni anno quasi 300 milioni di euro alla Serbia, oltre ai prestiti della Banca europea per gli investimenti. Penso che i cittadini della Serbia possano vedere quanto l’UE abbia dato alla Serbia prima, ora e in futuro, e quanto sia importante questa assistenza per i progressi della Serbia verso l’Unione; dalla protezione ambientale, alle infrastrutture, allo stato di diritto, all’istruzione, l’elenco è lungo e importante”.

https://www.danas.rs/politika/fabrici-potrebno-smanjiti-tenzije-mediji-moraju-da-budu-objektivni/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... media, pandemia, Sem Fabrizi, Serbia
I trasporti pubblici a Belgrado già da oggi per tutti i cittadini

Revocato lo stato di emergenza in Serbia; abolito anche il coprifuoco

Chiudi