Sekulic: “Non so se l’opposizione abbia una squadra vincente, ma è il massimo che potesse fare”

“Non so se i candidati dell’opposizione “Ujedinjena Srbija” alle prossime elezioni possano vincere, ma penso che questo sia il massimo che l’opposizione potesse ottenere”, ha dichiarato Zoran Sekulic, direttore e caporedattore dell’agenzia “FoNet”. Sul candidato alla presidenza della coalizione, Zdravko Ponos, Sekulic dice che “non corre per battere Vucic, ma per arrivare al secondo turno”.

“Ujedinjena Srbija” ha presentato i candidati per le prossime elezioni e la capolista, Marinika Tepic, ha affermato che i quattro massimi funzionari dell’SSP si sono impegnati a lasciare la politica, se in caso di vittoria non rispetteranno le priorità del piano per il dopo elezioni. Il candidato alla presidenza della Repubblica, Zdravko Ponos, ha spiegato che l’unità di quella parte dell’opposizione era una condizione per accettare la candidatura, mentre il candidato sindaco Vladeta Jankovic ha promesso trasparenza nella gestione della capitale, senza, come ha detto, vendetta contro coloro che ora sono al potere a Belgrado.

“Questo è il massimo che l’opposizione potesse ottenere. Rispetto a 15 giorni fa, è un progresso. La trattativa non è stata certo facile, ci sono stati degli errori nelle valutazioni, ma alla fine si è raggiunto un accordo, sono state scelte tre persone. Ognuno di loro avrà le proprie possibilità, fino a che punto vedremo”, ha detto Sekulic. Aggiunge che non sa se la squadra possa vincere e se la coalizione avrà le maggiori possibilità a Belgrado.

Quanto a Ponos, afferma Sekulic, “non corre per vincere contro Vucic, ma per arrivare al secondo turno delle elezioni”. Alla domanda se questa possa essere la più grande sconfitta di Aleksandar Vučić e se Ponos sia un buon candidato dato che “la Serbia ama i soldati e i generali”, Sekulic ha detto che il governo aveva mostrato nervosismo quando Ponos era stato menzionato come possibile candidato dell’opposizione.

Commentando le dichiarazioni della stampa su Vladeta Janković, Sekulić afferma che non sono accettabili critiche sul fatto che sia troppo vecchio o non qualificato per tale posizione. Il sindaco, aggiunge, dovrebbe radunare attorno a sé una squadra di professionisti. “Accolgo con favore il fatto che abbia accettato la candidatura e che sia pronto a correre il rischio insieme alla sua squadra, e lo rispetto”, dice.

Sekulic ha anche affermato che Vucic non rinuncerà alla propria candidatura, né, o almeno non presto, lascerà la guida del Partito progressivo serbo. “Non crede che non sarà candidato alla presidenza, e vedremo se si dimetterà dalla carica di presidente del partito. Se dovessi scommettere, scommetterei che non lo farà o che procrastinerà. Se Vucic non sarà il candidato e presidente del partito, la domanda è cosa accadrà all’interno del partito. Credo che il discorso sarebbe completamente diverso”, ha detto Sekulic.

https://rs.n1info.com/vesti/sekulic-ne-znam-da-li-opozicija-ima-tim-za-pobedu-ali-je-najvise-sto-je-mogla/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top