Secondo i media tedeschi Vucic starebbe voltando le spalle a Putin

Se dovrà scegliere, il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, sceglierà l’UE prima della Russia, secondo la stampa in lingua tedesca, e l’assenza di Sergej Lavrov è stata una potente lezione di geografia. Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov non ha potuto visitare Belgrado lunedì 6 giugno dopo che i Paesi vicini alla Serbia hanno vietato lo spazio aereo al suo volo. Il “Frankfurter Allgemeine Zeitung” riporta che è fallito l’incontro tra il Presidente della Serbia e “l’uomo che da anni abbellisce le guerre di Putin sui palcoscenici internazionali”.

“E c’erano argomenti importanti nei colloqui”, ricorda il giornale, “un accordo con Gazprom da cui la Serbia, almeno così sostiene Vučić, dovrebbe ottenere benzina a un prezzo favorevole per altri tre anni grazie all’atteggiamento della Serbia nei confronti del Cremlino, e principalmente per essersi rifiutata di aderire alle sanzioni”. “Non si può trascurare che Vučić da tempo cerca di voltare le spalle a Putin, sebbene con cautela. Un’indicazione di ciò sono gli occasionali resoconti critici dei portali e dei tabloid di governo, di solito sempre a favore del Presidente, ma che ultimamente hanno scritto per esempio che “Lavrov si è autoinvitato”. “Tali sfumature mostrano che il Presidente serbo è un uomo pragmatico e potente. Non ha nulla contro la fratellanza con la Russia, quando gli porta beneficio politico in Patria, ma non vuole farsi male nel mezzo della guerra con la Russia e distruggere l’economia serba”, ha affermato l’autore dell’articolo.

Il Tageszeitung di Berlino afferma che Lavrov, oltre ai colloqui sul gas, voleva “incoraggiare la Serbia a non seguire nessuna delle sanzioni richieste dall’Unione Europea”. “Da anni la Serbia cammina sulle uova tra Bruxelles e Mosca. Da un lato, il Presidente Aleksandar Vucic ribadisce che la Serbia ha la volontà di entrare nell’UE, e dall’altro, la Russia di Putin gode di grande simpatia tra i partiti nazionalisti in Serbia e la Chiesa ortodossa”, scrive il giornale.

Un precedente corrispondente di lunga data da Belgrado, Andreas Ernst, ha scritto sulla posizione della Serbia nello “Neue Zürcher Zeitung” svizzero: “È facile presumere che il Cremlino stia cercando di indebolire la potenza difensiva dell’Europa con la Serbia. Un possibile conflitto nei Balcani in questo momento farebbe perdere l’equilibrio dell’UE e sovraccaricare la NATO. L’unica domanda è: i serbi sono pronti parteciparvi? Difficile a meno che l’UE non commetta errori grossolani”. Un lungo commento descrive come Vučić governi in Serbia da dieci anni “a suo piacimento”, e si evoca la “politica del non allineamento” di Tito. La Serbia ha attratto molti investimenti occidentali ed è diventata una “linea di produzione estesa” per le aziende occidentali, assicurandosi una “crescita modesta ma costante”. Il Paese è economicamente rivolto all’Occidente, ma è completamente dipendente dal gas russo. “Nel complesso, ci sono buone probabilità che la situazione nei Balcani rimanga stabile”, ha proseguito Ernst. “Tuttavia, è collegata a due condizioni. Una è che la Russia non vinca questa guerra, e l’altra è almeno una politica dell’UE in qualche modo coerente nei Balcani occidentali”.

Lo stesso aggiunge che senza di ciò, il revanscismo potrebbe risvegliare rapidamente nei Balcani le idee su una Grande Serbia o una Grande Albania, che minaccerebbero l’esistenza della Bosnia-Erzegovina e della Macedonia del Nord. “Ecco perché resta importante che l’UE rinnovi l’offerta di integrazione ai Balcani occidentali e la adatti in modo tale che questi Paesi possano essere una parte permanente dell’Unione in un paio d’anni”, conclude il giornale svizzero.

Nemački mediji: Vučić napušta Putina, slučaj „Lavrov“ je lekcija iz geografije

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top