SDS, PSG e “Nova stranka” insieme in coalizione a Vracar

Il Partito socialdemocratico (SDS), il Movimento dei cittadini liberi (Pokret slobodnih građana – PSG) e il Nuovo Partito (Nova stranka) andranno alle urne insieme il 21 giugno nel comune di Vracar a Belgrado. La coalizione si chiamerà “Oslobodimo Vracar” (Liberiamo Vracar).

Tadic, che è a capo del SDS, ha dichiarato nella conferenza stampa che continuerà a parlare con altre comunità locali.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Secondo lui, il SDS ha deciso il boicottaggio a livello repubblicano per delegittimare questo sistema di governo, ma allo stesso tempo non vuole boicottare le elezioni locali perché in questo modo sarebbero boicottati anche i cittadini.

Ha anche affermato che le elezioni parlamentari non sono decisive per la questione del governo in Serbia, ma per quella presidenziale.

“Nell’Accordo con il popolo non abbiamo dichiarato che non saremmo andati alle elezioni locali”, ha dichiarato Tadic.

Aris Movsesijan di “Nova stranka” ha affermato che l’opposizione sta diventando sempre più piccola e divisa e che questo fenomeno deve essere fermato.

“Che la nostra coalizione sia il germe per nuovi cambiamenti in Serbia”, ha dichiarato Movsesijan.

Pavle Grbović del PSG ha affermato dal canto suo di aspettarsi una prima piccola vittoria il 21 giugno e ciò rappresenta un allargamento dell’opposizione.

Alla domanda se il PSG e Nova Stranka andranno insieme anche alle elezioni repubblicane, Movsesijan ha detto che non hanno raggiunto un accordo e che correranno in due liste diverse, sebbene continueranno a discutere per alcune aree locali.

https://www.blic.rs/vesti/politika/sergej-zivkovic-i-tadic-zajedno-na-izbore-koalicija-na-birackom-listicu-na-vracaru/kvpplfk

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in elezioni locali, Nova Stranka, PSG, SDS
Stefanovic: “Vogliamo rinviare le elezioni, anche con l’aiuto dell’UE”

Chi potrà superare la soglia di sbarramento al 3% alle prossime elezioni?

Close