Scambio di territorio? Rischio per l’intera Europa

L’idea dei leader della Serbia e del Kosovo dello scambio di territorio presenta un grande rischio per l’intera europa.

Questo è ciò che Judy Dempsey scrive nel suo testo per il Washington Post.

Quello che il presidente del Kosovo, Hashim Thaci, ha chiamato aggiustamento dei confini, potrebbe incoraggiare i nazionalisti in altre parti d’Europa a richiedere cose simili. Questo potrebbe essere un’ispirazione distruttiva per la Croazia, l’Albania, la Bosnia e la Macedonia, dove i movimenti nazionalisti e i singoli leader tendono ad avere paesi etnicamente omogenei.

Si ricorda che il piano prevedeva lo scambio del Nord di Mitrovica, dove la popolazione è di maggioranza serba, con la valle di Presevo, dove vivono in maggioranza gli albanesi. L’autrice aggiunge che gli albanesi a Mitrovica e i serbi nella valle di Presevo si stanno già chiedendo cosa accadrà a loro quando rimarranno in minoranza. Il potenziale per un conflitto è enorme soprattutto perché né Vucic né Thaci si sono rivolti ai loro cittadini per spiegare a loro cosa comporterebbe lo scambio di territori per loro.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

La Dempsey aggiunge che in Kosovo di per sé la situazione non è abbastanza stabile per attuare lo scambio in modo pacifico, e ritiene che la proposta serba di scambiare i territori porta grossi rischi. La regolazione dei confini che raramente avviene in modo pacifico (la dissoluzione della Cecoslovacchia è una rara eccezione) richiede forti istituzioni democratiche che permettino che tutto fili liscio e in modo pacifico, mentre nei Balcani e le istituzioni sono molto deboli, l’economia è dominata da oligarchie locali, e la corruzione è diffusa.


Il rischio, non deve essere sottovalutato. L’Europa è già stata tormentata da politiche nazionaliste anti-immigrati e populiste basate sull’identità etnica. Anche se i leader serbi e kosovari si impegneranno ad attuare i loro piani e a farli valere solo per la Serbia e il Kosovo, non ci sono alcune garanzie che questo non si diffonda in tutta Europa, conclude Judy Dempsey nel suo testo del Washington Post.

Share this post

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, Hashim Thaci, Judy Dempsey, Kosovo, territorio
Dacic
Dacic: “Stato del Kosovo”? Scordatevelo!”

Documentario “Kosovo: un momento nella civiltà”

Chiudi