Sarà più facile lavorare in Germania per i cittadini dei Balcani? In arrivo la Chancenkarte

Danilo Milošević (33) di Leskovac vive in Germania da tre anni e lavora come insegnante vicino a Monaco di Baviera. Dopo averlo assunto, il suo datore di lavoro ha aspettato 13 mesi prima che arrivasse dalla Serbia e iniziasse a lavorare, il tempo per ottenere un visto. Dice che è stata la parte più difficile del percorso iniziato tre anni fa, perché prima di candidarsi per un lavoro doveva imparare la lingua tedesca fino al livello B2. Per questo aveva bisogno sia di tempo che di denaro, ma anche di molta pazienza.

Gli stessi ostacoli incontrano altri lavoratori diretti in Germania, ma questa procedura potrebbe presto essere semplificata, secondo gli annunci delle autorità di Berlino. Il governo sta preparando una versione della carta verde sul modello del Canada, perché si stima che ci siano più di 1,7 milioni di posti di lavoro disponibili. Si conta anche sulla manodopera dai Balcani occidentali, inclusa la Serbia. La cosiddetta “carta delle possibilità” (Chancenkarte) è stata a lungo desiderata dai datori di lavoro in Germania, perché i demografi prevedono che entro il 2035 ci saranno sette milioni di persone in meno sul mercato del lavoro, a meno che l’immigrazione non aumenti in modo significativo, scrive “Euronews”.

Le autorità tedesche hanno annunciato che stanno valutando l’attuazione di regole meno rigide, al fine di colmare il deficit di posti di lavoro, e la maggior parte dei lavoratori è necessaria nell’assistenza sanitaria, così come nel trasporto aereo e nell’ospitalità. Secondo gli annunci delle autorità, la liberalizzazione del lavoro si rifletterebbe nel fatto che i candidati dovrebbero soddisfare tre criteri su quattro: un diploma o una formazione professionale riconosciuta dalla Germania, tre anni di esperienza professionale, conoscenza della lingua o un soggiorno precedente in Germania e non più di 35 anni.

I cittadini di alcuni Paesi con accordi sui visti possono già entrare in Germania per 90 giorni senza visto, ma possono solo essere assunti per un impiego a breve termine. La “Chancenkarte” aiuterà le persone a cercare un lavoro o uno stage mentre si trovano nel Paese stesso, piuttosto che fare domanda per un lavoro dall’estero. I candidati, quindi, devono essere in grado di dimostrare che, nel frattempo, cioè fino a quando non trovano un lavoro, possono pagarsi autonomamente le spese di soggiorno. I dettagli esatti di questa nuova offerta devono ancora essere formalizzati.

La rivista “Spiegel” ha recentemente scritto che non ci sono mai stati così tanti posti di lavoro in Germania come ce ne sono oggi e ha sottolineato che la mancanza di personale sta “soffocando” aeroporti, ristoranti e piscine, e che questa è solo una piccola cosa rispetto a ciò che minaccia il Paese, perché le statistiche mostrano che sono 1,74 milioni di posti di lavoro vacanti, anche se in realtà ce ne sono probabilmente molti di più. Come scrive “DW”, un lavoro nella cura degli anziani rimane per esempio vacante per una media di 239 giorni, il che significa che i datori di lavoro non possono trovare una badante per quasi otto mesi. Non va meglio con lattonieri, tecnici di riscaldamento e condizionamento dove l’attesa per un nuovo dipendente è di 224 giorni ciascuno. Nei grattacieli, un lavoratore si attende in media per 221 giorni e per infermieri, ostetriche e paramedici la media è di 188 giorni.

Nemačka „karta šansi“ smanjuje proceduru za dolazak radnika iz Srbije

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top