Salari più bassi e licenziamenti; economia serba in piena crisi

La crisi ha gravemente colpito finanziariamente le società serbe. Ciò è stato confermato da oltre la metà delle aziende nazionali (54%) secondo le ultime ricerche dell’Unione dei datori di lavoro della Serbia e dell’Organizzazione internazionale del lavoro. Come rilevato, le piccole aziende hanno il maggior numero di problemi, in particolare quelli con un massimo di 10 dipendenti.

Molti di loro hanno già ridotto gli stipendi, di solito tra il 10 e il 20%, e alcuni hanno dovuto optare per un taglio più drastico, fino al 30%. Molti lavoratori sono stati licenziati e, secondo i dati ufficiali, circa 15.000 persone hanno perso il lavoro nel periodo da marzo a metà giugno. Ci sono ancora licenziamenti in corso, molto spesso per persone con un contratto a tempo determinato, e una nuova ondata di riduzioni salariali è prevista da luglio.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Gli ultimi dati ufficiali mostrano che i salari sono già più bassi. Sebbene gli stipendi del settore pubblico non siano stati ridotti, lo stipendio medio di aprile è inferiore allo stipendio di marzo di circa 750 dinari, e questo è il prezzo delle conseguenze nel settore privato e dell’introduzione di misure di emergenza che hanno praticamente congelato l’intera economia. Lo stipendio medio di aprile è stato di 58.932 dinari e quello di marzo di 59.681 dinari.

“Coloro che hanno dovuto licenziare, l’hanno già fatto. Ora la chiave è mantenere i lavoratori qualificati, perché la crisi deve fermarsi e in una situazione in cui si hanno guadagni più bassi, la riduzione degli stipendi potrebbe essere una soluzione preferibile a nuovi licenziamenti”, afferma un imprenditore.

Alcune misure statali, come il salario minimo, hanno impedito sicuramente un drastico calo delle retribuzioni ed evitato dei licenziamenti di massa. Lo stato pagherà gli ultimi 30.000 dinari per ogni lavoratore il 7 luglio, e questo sarà il momento chiave in cui un gran numero di aziende avrà molto meno denaro per le buste paga.

La domanda ora è se le società per le quali il salario minimo statale era una parte dello stipendio, saranno in grado di pagare l’intero importo da sole in futuro. Un dilemma ancora più grande è ciò che accadrà ai lavoratori per cui gli aiuti di Stato rappresentavano lo stipendio completo, e ce n’erano molti in settori come commercio, ristorazione, agricoltura, produzione…

Anche l’industria automobilistica è gravemente compromessa. La direzione della “Fiat Chrysler” di Kragujevac ha dovuto adottare misure impopolari in diverse occasioni, e a causa della mancanza di lavoro all’inizio di giugno ha deciso di prolungare le vacanze forzate per quasi 2.400 dipendenti fino al 12 giugno.

La presidente dell’Associazione dei sindacati liberi e indipendenti della Serbia (ASNS), Ranka Savić, afferma che la situazione non è facile né per i lavoratori né per i datori di lavoro.

“Circa 200, 300 lavoratori al giorno perdono il lavoro in Serbia. La maggior parte di loro sono persone con contratti a tempo determinato. La domanda è cosa accadrà quando il pagamento del salario minimo, che riguarda oltre un milione di lavoratori, non ci sarà più”, ha detto la Savic a “Blic”.

La stessa stima che questa crisi sarà incomparabilmente più grande delle previsioni di marzo.

“La Serbia non è un’isola felice e dipende in gran parte dalla UE; la loro crisi nella produzione è anche la nostra, il che significa salari più bassi e più licenziamenti”, conclude l’esperta.

https://www.blic.rs/biznis/privreda-i-finansije/hoce-li-biti-novog-masovnog-smanjenja-plata-sta-nas-ceka-od-jula-zasto-ce-zarade-biti/5c38qk0

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... crisi, economia serba, licenziamenti, salari bassi
I lavoratori della “Leonardo” aspettano ancora una risposta

lavoro
La perdita del posto di lavoro nei prossimi 6 mesi preoccupa la metà dei lavoratori

Chiudi