RTB Bor sarà privatizzata entro la primavera del 2018

Il destino di RTB Bor verrà stabilito nella primavera 2018, riferisce il quotidiano Politika. Secondo un memorandum che il governo serbo ha firmato con il Fondo Monetario Internazionale, a seguito del completamento dell’ottava revisione dell’Accordo di stand-by, la Serbia lancerà il prossimo anno una gara d’appalto per la privatizzazione o partnership strategica di RTB.

Il memorandum, firmato dalla PM Ana Brnabić, dalla Governatrice della Banca Nazionale Jorgovanka Tabakovic e dal Ministro delle Finanze Dusan Vujovic, afferma che ci sono già state trattative con diversi potenziali investitori, e i problemi ecologici causati dall’attività di RTB Bor sono stati uno dei temi discussi.
Il memorandum afferma anche che RTB ha risolto tutte le sue passività, comprese le imposte e gli stipendi dei lavoratori, così come è assicurato il pagamento regolare delle bollette di energia elettrica in linea con il piano di riorganizzazione. Ciò è stato possibile grazie agli elevati prezzi del rame sul mercato internazionale che, a loro volta, hanno migliorato la situazione finanziaria dell’azienda. Il documento prosegue affermando che, a partire dal prossimo anno, la RTB Bor non riceverà più sussidi statali. Quest’anno, circa 2 miliardi di dinari di sussidi sono stati concessi alla società dal bilancio statale.
Lo scorso anno, RTB Bor ha registrato perdite per 5,25 miliardi di dinari, mentre l’anno prima la compagnia aveva 13,7 miliardi di dinari in meno. Nonostante il favorevole prezzo globale del rame, la società è comunque riuscita a generare perdite. La ragione di questo è che diverse aziende che operano sotto RTB, come le miniere di rame Bor e Majdanpek, la fonderia e l’impianto di raffinazione, hanno dato avvio al processo di riorganizzazione secondo cui oltre un miliardo di euro di debito che queste aziende hanno ccumulato è stato cancellato.
(B92, 27.12.2017)

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top