Rinviato il voto dell’ONU sulla risoluzione di Srebrenica

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite avrebbe dovuto votare la risoluzione sul genocidio di Srebrenica il 2 maggio, ma il voto è stato rinviato.

Questa informazione è stata confermata dall’ambasciatore della Bosnia-Erzegovina presso le Nazioni Unite, Zlatko Lagumdzija.

“Al momento sappiamo che la sessione non si terrà il 2 maggio, perché stiamo inviando il testo della Risoluzione per la revisione, nel caso in cui gli Stati membri dell’ONU abbiano altre proposte da fare al testo. L’Assemblea Generale si terrà dopo il 6 maggio, a seconda del programma, che conosceremo martedì”, ha detto Lagumdzija.

“Anche la missione ONU della Bosnia ha partecipato a questa decisione per permettere a chi ha bisogno di tempo o a chi è pronto a comprendere meglio il testo della Risoluzione di condurre ulteriori consultazioni come gruppo di amici e sponsor della Risoluzione”, ha aggiunto l’ambasciatore della Bosnia.

Alla fine, Lagumdzija ha detto che il voto è stato rinviato in modo che gli ambasciatori degli Stati membri dell’ONU abbiano più tempo per le consultazioni con i loro governi.

La proposta di risoluzione chiede che l’11 luglio sia riconosciuto a livello mondiale come la Giornata internazionale della memoria per le vittime di quello che viene definito il “genocidio di Srebrenica”. La risoluzione dovrebbe essere sottoposta al voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite all’inizio di maggio.

La risoluzione è guidata da Germania e Ruanda e sostenuta da Stati Uniti, Bosnia-Erzegovina e altre nazioni. La risoluzione esorta inoltre a respingere qualsiasi tentativo di negare l’esistenza del genocidio.

(Radio Free Europe, 25.04.2024)

https://www.slobodnaevropa.org/a/bosna-hercegovina-un-glasanje-rezolucija-srebrenica/32920874.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top