Ricomincia a funzionare la più potente centrale elettrica della Serbia

Ieri è stata riattivata una delle unità di generazione della centrale termoelettrica “Nikola Tesla A” di Obrenovac e per i lavoratori che hanno lavorato tre giorni e tre notti di continuo per salvare la centrale è ora tempo di tornare ai turni usuali.

pogled-sa-pogona-obrenovacke-termoelektrane“Fino a pochi giorni fa non sapevamo cosa sarebbe rimasto di questa centrale. Non appena è scattato l’allarme per l’inondazione abbiamo iniziato a riempire freneticamente i sacchi di sabbia, sapendo che eravamo in pericolo. I turni duravano tre giorni e tre notti. Quel fine settimana è stato uno dei più difficili nella storia della centrale. I lavoratori hanno interrotto il loro lavoro solo per verificare le condizioni dei loro familiari evacuati e delle loro abitazioni colpite dalla calamità. Molti di loro hanno lavorato per giorni senza sapere cosa fosse successo ai loro cari”, dichiara Nebojsa Cvetkovic, capoturno ai blocchi di generazione 1 e 2 della centrale.

“Il momento più difficile è stato il venerdì pomeriggio e notte, quando la città era già quasi completamente sommersa. mentre eravamo tutti impegnati a rinforzare gli argini sul fiume., abbiamo iniziato a vedere arrivare l’acqua alle nostre spalle, proveniente dalla città. Ci siamo ritrovati completamente circondati dalle acque, con tutte le squadre di soccorso che si erano concentrate nel bacino minerario di Kolubara. Tutti gli accessi alla centrale termoelettrica erano difficilmente percorribili e quindi era difficile anche l’arrivo delle personecù che potevano portare aiuto”, sottolinea Ljubisa Mihailovic, direttore della produzione alla centrale.

L’importazione di energia elettrica dall’inizio dellalluvione è costata alla Serbia cinque milioni di euro. Ieri alla ripartenza dell’unità di generazione A della centrale erano presenti il ministro dell’energia Aleksandar Antic e il direttore generale della EPS Aleksandar Obrenovic. “Questa unità di generazione ha una potenza di 150 megawatt ed è il primo passo per far ripartire la centrale alla sua massima capacità. Con la riattivazione lunedì della terza unità si arriverà a una produzione compresa tra i 500 e i 600 megawatt”, ha dichiarato Antic. La centrale “Nikola Tesla A” ha una potenza complessiva di tutti e sei le unità di cui è composta di 1650 megawatt e produce unt erzo di tutta l’energia elettrica che necessita il paese. “Con il pieno funzionamento della centrale speriamo di ospendere quanto prima le importazioni di energia elettrica. Ringrazio i lavoratori della centrale per aver lavorato senza sosta nei giorni scorsi”, ha dichiarato Antic.

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top