Richard Bona e Nik West a Marzo si esibiranno a Belgrado

Il musicista premiato con un Grammy dal Camerun, soprannominato anche “African Sting”, Richard Bona e la sua band di cinque membri si esibiranno il 10 e il 12 marzo al Musicology Barcaffe Sessions al BitefArtCafe di Belgrado, seguito dall’esibizione della bassista americana, Nik West, il 26 marzo.

Bona Pinder Yayumayalolo, il vero nome di Richard Bona, è nato a Minta, in Camerun, in una famiglia di musicisti, che gli ha permesso di imparare la musica fin dalla giovane età. Quando aveva quattro anni, Bona iniziò a suonare il balafon e all’età di cinque anni, ha iniziato ad esibirsi nella chiesa del suo villaggio. Non essendo ricco, Bona ha dovuto costruire molti dei suoi strumenti: tra cui flauti e chitarre (con corde appese ad un vecchio serbatoio di motociclette).

Il suo talento fu presto notato e fu spesso invitato ad esibirsi in feste e cerimonie. Bona ha iniziato a suonare la chitarra all’età di 11 anni, e nel 1980, a 13 anni, ha messo insieme il suo primo ensemble per un jazz club francese a Douala. Il proprietario, con cui Bona fece amicizia, lo ha aiutato a scoprire la musica jazz, in particolare quella di Jaco Pastorius, che lo ha ispirato poi a spostare la sua attenzione sul basso elettrico

Bona ha suonato e collaborato con musicisti di fama mondiale come John Legend, Chaka Khan, George Benson, Steve Gadd, Mike Stern e altri.

Nik West, una delle bassiste più sorprendenti degli Stati Uniti, si esibirà a Belgrado, al BiterArtCafe, il 26 marzo. Nik ha collaborato con musicisti come Quincy Jones, il defunto Prince, John Meyer, Macy Gray e Dave Stewart di Eurythmics.

Nik West è nata a Phoenix, in Arizona. Fu lì che suo padre T. West le insegnò come suonare la chitarra ritmica quando aveva solo 13 anni. La famiglia di West comprende le sue sorelle (pianola, batteria, violino e chitarra), che sono state i membri della sua prima band e un fratello maggiore, con cui ancora oggi registra.

Sebbene abbia iniziato il suo viaggio musicale suonando la chitarra, ha scoperto il basso alle superiori mentre ascoltava “You Wanna Be Startin’ Somethin” di Michael Jackson.

È stata menzionata nel Bass Musician Magazine e Bass Player, Bass Quarterly Germany e Bass Magazine Japan. Fender le offrì un sostegno artistico. È stata anche uno dei primi musicisti a suonare il primo basso a 6 corde di Fender. La foto di West che compare nell’annuncio di SWR è stata selezionata dal leggendario bassista Marcus Miller.

https://www.blic.rs/kultura/vesti/ricard-bona-africki-sting-i-nik-vest-u-martu-u-beogradu/lztp635?fbclid=IwAR3kljK_Rizjd3YfCDWbC8TeUDzaxsMEAKCuVZdqkZ6TWAKDdtXZaKJMBHw

Share this post

scroll to top
Read previous post:
Mosca “spinge” le quote di esportazione per la Serbia

UE: Il boicottaggio del parlamento è inaccettabile, non ci sarà una “primavera dei Balcani”

Close