Relazione: la Serbia è la destinazione d’investimento più attraente al mondo

La Serbia è al primo posto al mondo per il numero di posti di lavoro aperti attraverso investimenti esteri diretti (IED) in relazione alla popolazione del paese.

Ciò dimostra la nuova relazione dell’IBM “Global Positioning Trends”. Secondo il sito intellinews.com, nella Top10 principalmente si trovano paesi dell’Europa centrale e sud-orientale.

In questa lista si trovano Bosnia, Slovenia e Macedonia, che, ad eccezione della Slovenia, sono economicamente in ritardo rispetto agli altri paesi dell’Europa centrale, il che indica che gli sforzi fatti dai governi per attirare nuovi investitori hanno portato a risultati.

Bassi costi d’esercizio in paesi come la Bosnia, la Macedonia e la Serbia hanno sicuramente attratto gli investitori, perché la mancanza di risorse umane nei mercati del lavoro in altri paesi CEE fa aumentare i costi.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

La Serbia “continua ad attrarre investimenti significativi in ​​settori chiave quali l’industria tessile, i mezzi di trasporto, l’industria chimica ed elettronica. Non è quindi sorprendente che quasi l’80% del totale dei posti di lavoro creati attraverso IED vengono sprecati in attività produttive”, dice il rapporto.

“Continua la forte performance della Serbia e dei Balcani occidentali, mostrando il crescente successo della regione nell’attirare investimenti stranieri e nel rafforzare la sua posizione nella catena del valore globale. Mentre le prestazioni dei singoli paesi variano di anno in anno, la regione nel suo complesso ha registrato alti livellii di interesse da parte degli investitori stranieri”, secondo uno studio condotto da IBM.

Altri paesi CEE si sono posizionati alti in classifica tra cui la Lituania (2°), l’Ungheria (7°), la Slovacchia (8°) e la Lettonia (11°).

Assieme ai balcani occidentali anche i paesi baltici continuano a registrare un alto livello di investimenti esteri, dove la Lituania è al secondo posto, mentre l’Estonia e la Lettonia sono tra i primi 20 a livello globale. La regione baltica, secondo lo studio, ha particolarmente successo nell’attirare investimenti nel campo della tecnologia dell’informazione.

Allo stesso tempo, l’Ungheria è diventata una destinazione sempre più attraente per gli investitori in quanto le aliquote dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e dell’imposta sul reddito delle società sono tra le più basse in Europa, ed è anche bassa l’aliquota fiscale sui contributi sociali, riportano alcuni dati del Ministero degli Affari Esteri e del Commercio.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2018&mm=10&dd=05&nav_id=1452211

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top