Rafforzata la cooperazione tra Kfor ed esercito serbo

L’esercito serbo e la KFOR hanno firmato il 21 novembre a Pristina l’accordo sulle procedure operative temporanee in seguito dell’abolizione completa della Zona di sicurezza aerea.

Con la presenza del Capo di Stato Maggiore della Difesa della Serbia, Ljubisa Dikovic, e il comandante della KFOR, generale Gugliemo Luigi Miglietta, a Pristina è stato firmato l’accordo sulle procedure operative temporanee dopo la completa abolizione della Zona di sicurezza aerea. L’accordo è stato firmato dal Vice Comandante della comanda operativa e unita, il generale Slavoljub Janicijevic, in nome dell’Esercito di Serbia, scrive il sito del Ministero della Difesa della Serbia. La zona di sicurezza aerea, la quale è stata definita dall’ accordo tecnico-militare, si estende lungo la linea amministrativa con il Kosovo e Metohija, con una larghezza di 25 chilometri.

Allo stesso tempo il sito della KFOR ha annunciato che la decisione dell’allentamento della zona di sicurezza aerea è stata presa come una risposta ad un approccio costruttivo e un costante impegno della Serbia alla normalizzazione dello spazio aereo dei Balcani, e che riflette la cooperazione positiva tra la Kfor e l’esercito serbo. Inoltre, si sottolinea che i paesi membri della Nato rispettano il progresso nell’approfondimento delle relazioni tra la Serbia e la NATO, nonché la cooperazione sui temi di interesse comune.

Share this post

scroll to top
Altro... Kfor
Scontri a Kosovska Mitrovica a causa del Parco della Pace

Chiudi